Olio di argan: come è fatto e i suoi importanti benefici

L’olio di argan si ottiene dai semi della pianta di Argania spinosa, presente nella zona sud del Marocco e ottenuto per estrazione a pressione. Gli effetti benefici dell’olio di argan, dovuti alla sua composizione, hanno contribuito al sostentamento delle popolazioni indigene.

A seconda del metodo utilizzato si possono ottenere due tipi di olio di argan: alimentare o cosmetico. L’olio di argan cosmetico è preparato dai chicchi non tostati, mentre quello alimentare si ottiene pressando a freddo i chicchi tostati per alcuni minuti.

Il complesso processo di estrazione fatto in modo artigianale e in più fasi oltre al valore maggiore rispetto ad altri oli spiegano il prezzo elevato di questo olio. Per questo motivo questo olio prezioso aumento il rischio di adulterazione con oli più economici come quello si soia e di colza

Composizione dell’olio di argan

Acidi grassi

I componenti più importanti negli oli vegetali sono gli acidi grassi  in quanto le caratteristiche, la stabilità e il valore nutritivo di un olio dipendono fortemente dalla loro composizione.  Contiene circa 20% di acidi grassi saturi

Acidi grassi saturi (SFA) g/100 g di prodotto
Miristico ≤ 0.2
Palmitico 11.5-15
Stearico 4.3-7.2
Arachidico ≤ 0.5
Beenico ≤ 0.2

 

Circa l’80% degli acidi grassi sono monoinsaturi e polinsaturi

Acidi grassi monoinsaturi (MUFA) g/100 g di prodotto
Palmitoleico ≤ 0.2
Oleico 43.0-49.1
Gadoleico ≤ 0.5
Acidi grassi polinsaturi (PUFA) g/100 g di prodotto
Linoleico 29.3–36.0
Linolenico ≤ 0.3

 

Fitosteroli

I fitosteroli, sono la seconda classe di composti presenti nell’olio di argan il cui contenuto  può arrivare fino a 220 mg/100 g.  Essi sono spesso usati per provare l’assenza di adulterazioni poiché possono essere considerati un’impronta digitale dell’olio. Sono molecole dotate di potenti proprietà biologiche a causa della loro attività antiossidante e del loro impatto benefico sulla salute. È presente anche lo squalene intermedio nella biosintesi degli steroli.

Tocoferoli

Il contenuto totale di tocoferoli è compreso tra 60 e 90 mg/100 g. Sono infatti presenti in ordine decrescente il γ-tocoferolo, δ-tocoferolo, α-tocoferolo e β-tocoferolo.
I tocoferoli costituiscono la frazione insaponificabile e sono tra i principali composti presenti nella vitamina E.

Sono antiossidanti liposolubili naturali la cui presenza negli oli è spesso correlata a un’abbondanza relativamente elevata di acidi grassi insaturi. Si attribuisce l’elevata stabilità all’ossidazione dell’olio alla presenza dei tocoferoli che si trovano in quantità quasi doppia rispetto all’olio di oliva

Altri componenti dell’olio di Argan

Contiene altri composti bioattivi con elevato potere antiossidante, come i polifenoli, il coenzima Q10 e la melatonina. Nella frazione volatile sono contenuti acidi, alcoli, aldeidi, chetoni, esteri, terpeni, N-eterocicli e furani che contribuiscono all’aroma finale dell’olio rendendolo unico

Usi in cucina dell’olio di Argan

Usato in campo alimentare aiuta ad aumentare i livelli di colesterolo buono riducendo potenzialmente il rischio di malattie cardiache. Tuttavia non è usato come olio per cuocere gli alimenti, perché brucia facilmente. Esso è consumato principalmente freddo o aggiunto a cibi caldi al termine del processo di cottura.

Ha un gusto somigliante all’olio di nocciola e un sapore tostato. Nelle zone di produzione è utilizzato come condimento per il famoso khobz ovvero il pane marocchino croccante. Questo pane si usa per raccogliere salse e inzupparlo in pietanze di carne o pesce in umido, tipiche della cucina marocchina.

Olio di Argan : Quali sono i benefici per la persona ?

benefici dellolio di argan da ChimicamoPer la presenza di antiossidanti, vitamine e sostanze nutrienti l’olio di argan è utilizzato in prodotti cosmetici per la pelle, per i capelli e per la salute delle unghie.

Fornisce alle cuticole e alle unghie secche e friabili una idratazione profonda. Esercita sulla pelle un’azione idratante, antiage, proteggendo la naturale barriera ed è in grado di combattere i radicali liberi.

Per le sue caratteristiche può anche essere usato in caso di pelle grassa poiché non lascia la pelle unta. Può trovare indicazioni nella cura dell’acne e delle smagliature e trattare le ferite e le ustioni.

Gli acidi grassi presenti nutrono i capelli e il cuoio capelluto, stimolano la circolazione sanguigna nei follicoli piliferi e prevengono la caduta dei capelli. Riduce inoltre l’effetto crespo e dona luminosità ai capelli.

 

 

ARGOMENTI

GLI ULTIMI ARGOMENTI

Polichetidi

Corniola

TI POTREBBE INTERESSARE

Il dentifricio dell’elefante: la reazione che crea magicamente una schiuma 

Il dentifricio dell'elefante: stupisci grandi e piccini con una delle reazioni incredibili che offre la chimica: bastano pochi ingredienti ed è istantanea

Bicarbonato di sodio: comportamento acido-base, sintesi, reazioni

Il bicarbonato di sodio ha formula NaHCO3  e si presenta come un solido cristallino bianco solubile in acqua e scarsamente solubile in solventi organici....

Reazione di Maillard: processo, meccanismo, prodotti

La reazione di Maillard prende il nome dal chimico francese Louis Camille Maillard che nell’ambito delle sue ricerche studiò le reazioni tra amminoacidi e...