Reazioni collaterali: parallele e consecutive

Le reazioni collaterali avvengono quando un reagente può andare incontro nello stesso tempo a due o più reazioni. In tal caso una delle due reazioni è quella principale mentre l’altra è collaterale.

Le reazioni collaterali portano a sottoprodotti, in genere non desiderati, che diminuiscono la resa teorica del prodotto desiderato. Inoltre si verifica che tali sottoprodotti devono essere allontananti

Ad esempio l’etanolo, in presenza di acido solforico, dà luogo a una reazione di disidratazione che dà, come prodotto di reazione l’etere etilico.

In questa reazione di condensazione, che avviene tra due molecole di etanolo, si verifica l’eliminazione di acqua:

2 CH3CH2OH → CH3CH2OCH2CH3 + H2O

La reazione collaterale porta a etene e acqua:

CH3CH2OH → CH2=CH2 + H2O

Tipi di reazioni collaterali

I tipi fondamentali sono consecutive e parallele

Reazioni consecutive

Sono reazioni in cui il prodotto finale è ottenuto attraverso due o più stadi.

Si possono rappresentare come:
A → B → C

Un esempio è la clorurazione di un alcano. Dalla clorurazione di un alcano si ottengono, nel corso del tempo prodotti sempre più clorurati.

CH4 + Cl2 → CH3Cl + HCl

Il clorometano così ottenuto costituisce il reagente di una successiva clorurazione:

CH3Cl +  Cl2 → CH2Cl2 + HCl

A sua volta il diclorometano reagisce con il cloro per dare triclorometano noto come cloroformio:

CH2Cl2 + Cl2 → CHCl3 + HCl

Infine il cloroformio reagisce con il cloro per dare tetracloruro di carbonio:

CHCl3 + Cl2 → CCl4 + HCl

Per questo tipo di reazione il tempo è la variabile più importante. Un altro esempio è l’ossidazione dell’etanolo che si trasforma prima in acetaldeide e poi in acido acetico. Se si vuole ottenere l’acetaldeide la sua conversione in acido acetico è una reazione indesiderata.

Pertanto si deve rimuovere l’acetaldeide dalla miscela di reazione il prima possibile. Ciò è attuato utilizzando un eccesso di alcol, distillando l’aldeide non appena si forma e evitando di aggiungere un eccesso di ossidante.

Reazioni parallele

Le reazioni parallele o competitive sono i tipi più comuni di reazioni collaterali. Sono reazioni in cui da un unico reagente si ottengono due o più prodotti di reazione

reazioni parallele
reazioni parallele

In figura da A si possono ottenere B con una costante cinetica k1 e C con una costante cinetica k2

Se k1 è maggiore di k2 allora il prodotto prevalente è B

Ad esempio dalla reazione tra fenolo e acido nitrico si possono ottenere l’ortonitrofenolo e l’isomero para

esempio di reazione parallela
esempio di reazione parallela

Poiché k1 è maggiore di k2 il prodotto prevalente è l’isomero orto

ARGOMENTI

GLI ULTIMI ARGOMENTI

TI POTREBBE INTERESSARE

Temperature di ebollizione di composti organici

Le temperature di ebollizione dei composti organici forniscono informazioni relative alle loro proprietà fisiche e alle caratteristiche della loro struttura e costituiscono una delle...

Nomenclatura degli alcani. Esercizi svolti

La nomenclatura degli alcani costituisce, in genere, il primo approccio per quanti iniziano a studiare la chimica organica Nomenclatura Le regole per la nomenclatura degli alcani...

Priorità dei gruppi funzionali

Se il composto ha più gruppi funzionali ad essi viene assegnato un ordine di priorità in quanto solo un gruppo funzionale può essere indicato...