Transizioni elettroniche

Le transizioni elettroniche avvengono quando un elettrone passa da uno stato detto fondamentale a uno stato detto eccitato a seguito di assorbimento di energia. Una volta nello stato eccitato, l’elettrone ha un’energia più elevata e torna nuovamente nello stato inferiore emettendo energia sotto forma di fotoni. Il primo a teorizzare questo fenomeno fu il fisico danese Niels Bohr nel 1913 e in seguito James Franck e Gustav Ludwig Hertz dimostrarono sperimentalmente che gli atomi hanno stati energetici quantizzati.

Gli elettroni responsabili delle transizioni elettroniche sono gli elettroni coinvolti nel legame σ, nel legame π e gli elettroni n non coinvolti in alcun legame ma presenti nel guscio esterno come doppietto elettronico solitario.

Vi sono inoltre le transizioni elettroniche che avvengono nei complessi a trasferimento di carica ovvero quelli formati dall’associazione di due o più molecole in cui una frazione di carica elettronica è trasferita da una entità all’altra legate tra loro da una forza di attrazione elettrostatica essendo costituite da un donatore di elettroni e un accettore di elettroni.

Tipi di transizioni elettroniche

La promozione degli elettroni dallo stato fondamentale a uno stato energetico superiore può essere classificata in quattro tipi di transizioni elettroniche.

Transizioni elettroniche σ → σ*
questo tipo di transizione avviene da orbitali di legame a orbitali di antilegame. Questo processo richiede un’alta energia in quanto i legami di tipo σ sono generalmente forti la transizione avviene con una radiazione ad elevata frequenza e bassa lunghezza d’onda.

Ad esempio il metano che presenta solo legami C-H e può dar luogo solo a transizioni elettroniche σ → σ* mostra un massimo di assorbanza a 125 nm che pertanto non ricade nel campo del visibile bensì dell’U.V.

transizioni elettroniche
transizioni elettroniche

Transizioni elettroniche n → σ*
questo tipo di transizione coinvolge elettroni n di non legame e avviene da un orbitale di non legame n a orbitali di antilegame e avviene a una lunghezza d’onda compresa tra 150 e 250 nm. Questa transizione è tipica di composti saturi contenenti eteroatomi che presentano doppietti elettronici solitari come, ad esempio gli alogenuri alchilici ma è tipica anche negli alcoli, ammine e eteri.

Transizioni elettroniche π → π*
questo tipo di transizione coinvolge elettroni π che sono eccitati dall’orbitale di legame π al legame di antilegame π*. Questo tipo di transizione richiede una minore energia e pertanto avviene a una lunghezza d’onda compresa tra 200 e 700 nm. Questa transizione è tipica di composti insaturi contenenti un doppio legame come aldeidi, chetoni, alcheni, alchini, composti aromatici e nitrili.

Transizioni elettroniche n → π*
questo tipo di transizione coinvolge elettroni n di non legame e avviene da un orbitale di non legame n a un orbitale di antilegame π*. Avviene in composti contenenti doppi legami in cui sono presenti eteroatomi con doppietti elettronici solitari come, ad esempio, C=O, C=S e N=O. Questa transizione richiede, rispetto alle altre, l’energia più bassa e quindi maggiori lunghezze d’onda.

Transizioni elettroniche d-d e f-f

La maggior parte dei complessi dei metalli di transizione sono colorati sia allo stato solido che in soluzione acquosa. Ciò è dovuto alla presenza di orbitali d riempiti parzialmente. Quando si forma un complesso di un metallo di transizione, gli orbitali degeneri d del metallo si suddividono quindi in due gruppi a diversa energia detti t2g a cui appartengono gli orbitali dxz, dyz, dxy ed eg a cui appartengono gli orbitali dz2 e dx2-y2.

orbitali d
orbitali d

Quando la luce bianca cade su questi composti gli elettroni assorbono determinate frequenze della radiazione elettromagnetica dando luogo a transizioni elettroniche in orbitali a maggiore energia. Queste frequenze hanno una determinata energia che corrisponde alla differenza di energia tra i diversi orbitali.

Per cationi dei metalli di transizione in genere la differenza di energia tra gli orbitali non degeneri di tipo d corrisponde all’energia di radiazione della luce visibile quindi essi assorbono una parte dello spettro della luce visibile e riflettono la parte rimanente che componendosi appare di una determinata colorazione.

orbitali f
orbitali f

Le transizioni elettroniche f-f hanno una stretta analogia con le transizioni elettroniche d-d e avvengono, invece che nei complessi di metalli di transizione con i complessi dei lantanidi e degli attinidi i cui elettroni dell’ultimo livello si trovano nell’orbitale f.

I sette orbitali f degeneri sono fz3, fxz2, fyz2, fxyz, fz(x2-y2), fx(x2-3y2) e fx(y2-3×2). Quando si forma un complesso di un lantanide o di un attinide gli orbitali degeneri f del metallo si si suddividono quindi in tre gruppi a diversa energia detti t1g, t2g e a2g sebbene la scissione del campo cristallino molto più piccola rispetto a quella dei metalli di transizione e i complessi appaiono di colori pallidi.

ARGOMENTI

GLI ULTIMI ARGOMENTI

Articolo precedente
Articolo successivo

TI POTREBBE INTERESSARE

Ibridazione sp3, sp2, sp, sp3d, s2p3d

L'ibridazione è un processo matematico attraverso il quale  due o più orbitali atomici si combinano allo scopo di ottenere nuovi orbitali, anch'essi atomici La sovrapposizione...

Esercizi sull’entalpia

Gli esercizi sull'entalpia possono essere risolti considerando alcune relazioni esistenti tra le grandezze termodinamiche L'entalpia è una funzione di stato usata in termodinamica definita come...

Energia libera di Gibbs: esercizi svolti, equazioni

L'energia libera è una funzione di stato simboleggiata con la lettera G ed è matematicamente definita dalla relazione G = H – TS. Nell'espressione H...