Trofeo della Coppa del Mondo FIFA: chimica

Pochi minuti fa Messi il capitano dell’Argentina ha alzato al cielo l’ambito trofeo della Coppa del Mondo FIFA che si è disputata, non senza polemiche, in Qatar.
Il campionato mondiale di calcio 2022 è la ventiduesima edizione della massima competizione nazionali maschili maggiori delle federazioni sportive affiliate alla FIFA.

Si è svolto per la prima volta nel Medio Oriente e nel mondo arabo dal 20 novembre e si è conclusa oggi 18 dicembre 2022. Per la prima volta il campionato mondiale si è svolto nel periodo autunno-inverno  dell’emisfero boreale per evitare il clima desertico del paese ospitante. Nei mesi più caldi, infatti, in Qatar le temperature percepite possono arrivare a 40°C. a

Alla finale sono giunte la Francia che in semifinale ha battuto il Marocco per 2-0 e l’Argentina vittoriosa sulla Croazia per 3-0. La Francia doveva difendere il titolo vinto quattro anni fa in Russia e provare a vincere la Coppa del Mondo per due volte consecutive, come nella storia è riuscito solo all’Italia negli anni Trenta e al Brasile di Pelé tra gli anni Cinquanta e Sessanta.

L’Argentina invece ha vinto due Mondiali: nel 1978 e nel 1986. Da allora, però, non è più riuscita a ripetersi, nonostante abbia giocato altre due finali, l’ultima delle quali persa nel 2014 contro la Germania.

La chimica in azione

Come sempre la chimica gioca il suo mondiale di calcio apparentemente in sordina presentando sempre materiali innovativi e, quest’anno, biocompatibili.

Il pallone dei mondiali di calcio 2022 denominato Al Rihla e prodotto dall’Adidas è stato progettato mettendo al primo posto la sostenibilità.

Esso infatti è realizzato esclusivamente con inchiostri e colle a base d’acqua,  privi di PVC, piombo o metalli pesanti né sostanze chimiche che degradano l’ozono come i clorofluorocarburi (CFC) e altri solventi volatili.

Le magliette sono realizzate in polietilentereftalato per consentire la massima traspirabilità e comfort pur trattenendo poca o nessuna umidità per mantenere i giocatori freschi e asciutti. I nomi dei calciatori e i numeri presenti sulle magliette sono in poliuretano

Le bevande isotoniche sono progettate per sostituire l’acqua, gli elettroliti e l’energia persi con il sudore.

I parastinchi sono fatti di una varietà di materiali, tra cui fibra di vetro, gommapiuma, poliuretano e vari polimeri.

Trofeo della Coppa del Mondo FIFA

Ma è il Trofeo della Coppa del Mondo uno dei premi più iconici nel mondo dello sport paragonabile solo alla medaglia d’oro olimpica. Il Trofeo Jules Rimet è stato il primo trofeo assegnato ai vincitori della Coppa del Mondo dal 1930 al 1970.

La coppa fu ritirata quando il Brasile vinse la finale della Coppa del Mondo per la terza volta nel 1970 e la FIFA selezionò il design della nuova coppa. Il design prescelto raffigura due figure che tengono il mondo sopra le loro teste è opera dell’italiano Silvio Gazzaniga. Anche se l’Italia non è presenta al mondiale questo parla comunque italiano. Oltre all’autore del design, infatti, è italiana anche la ditta Bertoni produttrice della coppa. Dal 1974 l’Italia arriva sempre sul podio grazie alla coppa dei due angeli della vittoria che sollevano il mondo, ovvero la coppa della FIFA World Cup.

Il materiale? Oro 18 carati con alla base un anello di malachite. Peccato non esserci ad alzare la coppa

 

ARGOMENTI

GLI ULTIMI ARGOMENTI

TI POTREBBE INTERESSARE

Basi di Schiff: proprietà, sintesi, usi

Il chimico tedesco naturalizzato italiano Hugo Schiff nell’ambito dei suoi studi sulle immine scoprì nel 1864 dei composti che, in suo onore, si chiamano...

Acido acetico: sintesi, reazioni, usi

L'acido etanoico, più noto come acido acetico, caratterizzato dall’odore aspro e dal sapore pungente è il più importante degli acidi carbossilici ed ha formula...

Polimeri termoindurenti e termoplastici

I composti macromolecolari presentano un larghissimo spettro di proprietà a seconda se sono polimeri termoindurenti o termoplastici. I cicli tecnologici impiegabili e le applicazioni pratiche...