Depolimerizzazione

La depolimerizzazione è, secondo la I.U.P.A.C., una delle dieci migliori tecnologie emergenti in chimica del 2023 che può contribuire a raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile entro il 2030.

L’inquinamento dovuto alle sostanze polimeriche costituisce un problema globale che può alterare gli habitat e i processi naturali, riducendo la capacità degli ecosistemi di adattarsi ai cambiamenti climatici, influenzando direttamente i mezzi di sussistenza di milioni di persone, le capacità di produzione alimentare e il benessere sociale.

La depolimerizzazione costituisce una modalità che consente di ottenere dai rifiuti di plastica i monomeri di partenza. Il processo di riciclaggio ha luogo con una fase iniziale in cui i rifiuti di plastica vengono selezionati e preparati per un’ulteriore lavorazione.

processi di depolimerizzazione da Chimicamo
processi di depolimerizzazione

Il processo di depolimerizzazione, spesso definito chemiolisi o solvolisi, utilizza diverse combinazioni di prodotti chimici, solventi e calore per scomporre i polimeri in monomeri. Nella fase successiva, i potenziali contaminanti vengono isolati dai monomeri al fine di rimuoverli.

I monomeri vengono poi reimmessi nei normali processi di produzione della plastica come materia prima secondaria. Le plastiche prodotte in questo modo sono di qualità simile a quelle ottenute da combustibili fossili tradizionali.

Depolimerizzazione enzimatica

Il metodo di depolimerizzazione tradizionale, tuttavia, non è rispettoso dei Principi della Chimica verde il cui obiettivo fondamentale è quello di sviluppare processi chimici efficienti ed ecocompatibili, utilizzando materie prime rinnovabili, riducendo i rifiuti e promuovendo l’adozione di pratiche sostenibili in tutto il ciclo vita di un prodotto chimico.

La ricerca si è perciò concentrata a metodi di depolimerizzazione enzimatici che consentono di riciclare plastiche miste, di bassa qualità e contaminate senza degradarsi come avverrebbe attraverso processi meccanici e in molti processi di depolimerizzazione termica.

chimica verde
chimica verde

Gli enzimi agiscono come catalizzatori per molte reazioni chimiche negli organismi viventi. I sistemi enzimatici sono stati utilizzati in molte applicazioni tecniche, come nei detergenti, come componenti attivi che decompongono alcuni tipi di sporco particolari come proteine, amido o macchie di grasso.

Allo stesso modo, gli enzimi possono catalizzare la decomposizione di alcuni polimeri. Nei sistemi enzimatici, i prodotti della reazione, cioè i monomeri, vengono rilasciati nel mezzo di reazione in modo simile a quello riscontrato nei processi di depolimerizzazione chimica umidi. I prodotti monomerici vengono quindi isolati e purificati.

Questo processo richiede solitamente meno energia e ha il potenziale per prolungare la vita della plastica e riciclare i polimeri più volte, producendo allo stesso tempo prodotti in plastica riciclata di qualità vergine. Tuttavia, in alcuni casi potrebbe essere necessario il calore come fase di pretrattamento per preparare i rifiuti misti e i rifiuti di plastica per la reazione enzimatica. Ciò può avere un impatto negativo sulla valutazione del ciclo di vita e sulle emissioni complessive del processo a seconda delle fonti di energia utilizzate.

Depolimerizzazione del PET

La maggior parte della ricerca in questo settore si concentra sulla depolimerizzazione del polietilentereftalato a causa del suo ampio utilizzo in varie applicazioni. Il polietilentereftalato è particolarmente adatto per il riciclaggio a causa dei suoi legami esterei idrolizzabili e dell’elevato impatto ambientale dovuto all’impiego in imballaggi monouso, quindi i processi di riciclaggio che utilizzano enzimi rappresentano una promettente via biotecnologica per il recupero dei monomeri.

PET 1 da Chimicamo
PET

Sono stati fatti numerosi studi sulla biodegradazione microbica o enzimatica del PET nei suoi monomeri, acido tereftalico e glicole etilenico che solitamente avvengono inserendo i rifiuti di plastica in un bioreattore con enzimi specifici che si legano specificamente ai polimeri e ai monomeri del PET per depolimerizzare le lunghe catene polimeriche. Una volta separati, i monomeri e i costituenti possono essere riutilizzati per creare plastiche di alta qualità o altri prodotti petrolchimici.

L’Idrolisi enzimatica di film di polietilentereftalato può essere fatta in un reattore a membrana di ultrafiltrazione. I poliesteri aromatici sintetici come il PET vengono degradati dalle idrolasi dei poliesteri microbici in condizioni di reazione blande rispetto ai processi chimici.

I film di PET sono idrolizzati dalla poliestere idrolasi TfCut2 di Thermobifida fusca KW3 in un sistema di reazione acquoso contenuto in un reattore a membrana di ultrafiltrazione. La rimozione continua dei prodotti dell’idrolisi inibitoria da parte della membrana di ultrafiltrazione aumenta l’efficienza dell’idrolisi biocatalitica del PET

 

ARGOMENTI

GLI ULTIMI ARGOMENTI

Articolo precedente
Articolo successivo

TI POTREBBE INTERESSARE

Temperature di ebollizione di composti organici

Le temperature di ebollizione dei composti organici forniscono informazioni relative alle loro proprietà fisiche e alle caratteristiche della loro struttura e costituiscono una delle...

Priorità dei gruppi funzionali

Se il composto ha più gruppi funzionali ad essi viene assegnato un ordine di priorità in quanto solo un gruppo funzionale può essere indicato...

Nomenclatura degli alcani. Esercizi svolti

La nomenclatura degli alcani costituisce, in genere, il primo approccio per quanti iniziano a studiare la chimica organica Nomenclatura Le regole per la nomenclatura degli alcani...