Acido neuramminico

L’acido neuramminico (Neu) è un componente importante delle catene di polisaccaridi nelle glicoproteine ​​e nei glicolipidi delle membrane cellulari. Esso è costituito da nove atomi di carbonio ed è formato dall’amminozucchero mannosamina derivato dell’esosammina del mannosio e dall’acido piruvico che è un α-chetoacido con un gruppo carbonilico in posizione α rispetto al gruppo carbossilico.

L’acido neuraminico può essere considerato un prodotto di una condensazione aldolica dell’acido piruvico e del 2-ammino-2-deossi-mannosio.

struttura acido neuramminico
struttura acido neuramminico

L’acido neuraminico non si trova in natura, ma molti dei suoi derivati ​​si trovano distribuiti nei tessuti animali e nei batteri, soprattutto nelle glicoproteine ​​e nei gangliosidi. Fu scoperto al biochimico tedesco Ernst Klenk  noto come pioniere nella ricerca sui biolipidi, sul loro metabolismo e sulle malattie causate da disturbi biolipidici.

Gli acidi sialici, che svolgono un ruolo essenziale in molti processi biologici, tra cui l’adesione cellulare e la modulazione immunitaria, sono derivati ​​-N oppure -O sostituiti dell’acido neuramminico. Gli acidi sialici sono zuccheri carbossilati a nove atomi di carbonio presenti sui glicoconiugati associati alla membrana e secreti dei mammiferi o sugli oligosaccaridi non legati

Derivati dell’acido neuramminico

I derivati più noti dell’acido neuramminico sono l’acido N -acetilneuramminico che ha un ruolo importante nel mantenimento e nel miglioramento della salute del cervello, nella disintossicazione, nell’azione antibatterica, nel rafforzamento del sistema immunitario e l’acido N -glicolilneuramminico.

acido N acetilneuramminico
acido N acetilneuramminico

Quest’ultimo non è prodotto dall’uomo ma è presente nelle urine in quanto assunto con gli alimenti e, in particolare carne rossa, latte e uova. L’acido N -acetilneuramminico può essere prodotto mediante estrazione da prodotti naturali, sintesi chimica, sintesi enzimatica e fermentazione microbica.

L’acido N -acetilneuramminico agisce generalmente come zucchero terminale nei glicani, glicoconiugati , oligosaccaridi, lipo-oligosaccaridi e polisaccaridi della superficie cellulare, esercitando così numerose funzioni fisiologiche e utilizzato nell’industria alimentare, cosmetica e farmaceutica.

È  presente in una varietà di organismi, come virus, batteri, funghi, protozoi e animali superiori, ed è presente anche nel latte umano in cui si lega prevalentemente a proteine, lipidi e oligosaccaridi. Gli acidi N -acetilneuramminici sono un gruppo eterogeneo di monosaccaridi carbossilati a 9 atomi di carbonio sintetizzati negli animali, presenti all’estremità più esterna delle catene di carboidrati legati N e O e nei glicoconiugati associati ai lipidi

I derivati dell’acido neuramminico svolgono un ruolo importante nella fisiologia umana nell’interazione cellula-cellula, nella comunicazione, nella segnalazione cellula-cellula, nelle interazioni carboidrati-proteine, nell’aggregazione cellulare, nei processi di sviluppo, nelle reazioni immunitarie, nella riproduzione e nella neurobiologia e nelle malattie umane consentendo il processo di infezione da parte dei batteri e virus.

Svolgono un ruolo vitale nella stabilizzazione dei globuli rossi e nel prevenire l’aggregazione dei componenti del sangue grazie alla loro carica negativa e alla loro idrofilicità. È noto che i derivati dell’acido neuramminico influenzano la stabilità e la funzione di ormoni ed enzimi.

 Influenza e acido neuramminico

I virus dell’influenza si legano ai derivati dell’acido neuramminico sulla superficie delle cellule tramite l’emoagglutinina che è una glicoproteina importante che svolge un ruolo cruciale nella fase iniziale dell’infezione virale.

influenza
influenza

I virus dell’influenza A sono la principale causa di epidemie influenzali annuali e di pandemie occasionali. Il loro genoma è costituito da otto segmenti di RNA contenenti geni che codificano per 11 proteine ​​virali, comprese due glicoproteine ​​virali di superficie, l’emoagglutinina (HA) e la neuraminidasi (NA).

Le emoagglutinine sono proteine ​​che possiedono un’affinità specifica per alcune molecole di zucchero. Poiché nella maggior parte delle membrane cellulari animali esistono unità di carboidrati , le emoagglutinine possono legarsi a questi gruppi recettoriali.

L’ emoagglutinina è responsabile del legame del virus ai recettori della superficie cellulare e media la liberazione del genoma virale nel citoplasma attraverso fusione della membrana. I virus dell’influenza A e B riconoscono l’acido N-acetilneuramminico, mentre il virus dell’influenza C riconosce specificamente l’acido N-acetil-9-O-acetilneuramminico come recettore.

ARGOMENTI

GLI ULTIMI ARGOMENTI

Articolo precedente
Articolo successivo

TI POTREBBE INTERESSARE

Perossidazione lipidica: meccanismo

La perossidazione lipidica può essere descritta come un processo in cui agenti ossidanti come specie reattive all’ossigeno (ROS) e  radicali liberi attaccano i lipidi...

Le proteine e loro struttura

Le proteine sono polimeri i cui monomeri sono costituiti dai venti diversi tipi di amminoacidi presenti in natura. Gli amminoacidi sono composti che contengono...

Classificazione degli enzimi

La classificazione degli enzimi si basa sul tipo di reazione che essi catalizzano e pertanto si hanno sei classi di enzimi. Gli enzimi sono...