Analisi del colesterolo

L’analisi del colesterolo è un esame ematico che misura la quantità di colesterolo e di alcuni grassi presenti nel sangue che fornisce informazioni importanti sul rischio di sviluppare malattie cardiache. Nell’analisi del colesterolo vengono quantificati i livelli di colesterolo totale, colesterolo HDL, colesterolo LDL e trigliceridi. Il colesterolo totale, il colesterolo LDL e HLD, oltre che i trigliceridi, si misurano in milligrammi per decilitro (mg/dL ) o in millimoli per litro (mmol/L).

Il valore di riferimento del colesterolo totale è inferiore a 200 mg/dL, quello del colesterolo-LDL è inferiore a 100 mg/dL,  quello del colesterolo-HDL è uguale o superiore a 50 mg/dL mentre i trrigliceridi non devono superare i 150 mg/dL

colesterolo
colesterolo

Poiché elevati livelli di colesterolo sono asintomatici è necessario che gli adulti sani dai 40 anni in poi facciano l’analisi del colesterolo, in particolare dell’LDL-C e del colesterolo totale almeno ogni 2 anni, mentre per i ragazzi è sufficiente un’analisi del colesterolo totale tra i 9 e gli 11 anni, da ripetere poi tra i 17 e i 21 anni.

Tuttavia le persone che hanno malattie cardiache, diabete o una storia familiare di colesterolo alto e bambini obesi  hanno bisogno di controllare il colesterolo più spesso. I pazienti con ipercolesterolemia e sotto trattamento con farmaci specifici, devono fare l’analisi del colesterolo a intervalli regolari, secondo le indicazioni del medico.

Metodi di analisi del colesterolo

I test più comunemente utilizzati per l’ analisi del colesterolo possono essere suddivisi in tre gruppi:

  • metodi chimici classici basati sul protocollo Abell-Kendall che costituisce una sistematica di analisi del colesterolo totale presente nel siero e comprende la saponificazione dell’estere del colesterolo mediante idrossido, l’estrazione con esano e lo sviluppo del colore con anidride aceticaacido solforico
  • metodi analitici come la cromatografia gas-liquido o la cromatografia liquida accoppiata con la ionizzazione di fiamma o il rilevamento e la quantificazione tramite spettrometria di massa
  • saggi enzimatici, che possono essere colorimetrici o fluorimetrici

I metodi chimici classici sono relativamente semplici ed economici da eseguire, ma sono necessarie procedure in più fasi. I metodi tramite cromatografia e spettrometria di massa sono i più accurati e sensibili, tuttavia richiedono apparecchiature costose e un pretrattamento del campione e richiedono la saponificazione chimica degli esteri del colesterolo. Inoltre questi metodi richiedono molto tempo e richiedono l’elaborazione dei campioni uno alla volta.

Metodi enzimatici

Al contrario, i metodi enzimatici colorimetrici e fluorimetrici sono test semplici, sensibili e relativamente veloci che possono elaborare molti campioni contemporaneamente. Il metodo enzimatico è il metodo principale utilizzato per misurare i livelli di colesterolo nel plasma, in cui il colesterolo viene solubilizzato in una soluzione acquosa attraverso la sua incorporazione nelle lipoproteine.

Oltre alla scelta della tecnica analitica appropriata, nell’analisi del colesterolo è fondamentale anche un’adeguata preparazione del campione. Gli esteri del colesterolo costituiscono circa i due terzi del colesterolo nel sangue e possono essere idrolizzati chimicamente mediante una base secondo una reazione di  saponificazione o enzimaticamente mediante l’enzima colesterolo esterasi che converte gli esteri del colesterolo in colesterolo.

metodi enzimatici
metodi enzimatici

Quest’ultimo viene ossidato dalla colesterolo ossidasi per produrre colest-4-en-3-one e perossido di idrogeno e il corrispondente prodotto chetonico. Il perossido di idrogeno reagisce con la 4-amminoantipirina in presenza di fenolo formando un prodotto colorato che viene registrato a 500  nm. L’intensità del colore è correlata alla concentrazione di colesterolo e il test è preciso e accurato ed è solitamente lineare fino a 600–700  mg/dL (15.5–18.0 mmol/L).

Va menzionato che i test enzimatici potrebbero non essere strettamente selettivi per l’analisi del colesterolo. Infatti, la colesterolo ossidasi può reagire anche con altri steroli e inoltre alcune sostanze chimiche presenti in un campione come l’acido ascorbico e la bilirubina possono consumare perossido di idrogeno e potrebbero verificarsi alcuni errori durante la quantificazione indiretta del colesterolo.

Cromatografia

Tecniche cromatografiche come la cromatografia gassosa dove il gas è una fase mobile e cromatografia liquida dove il liquido è una fase mobile sono comunemente utilizzate per la quantificazione del colesterolo. Questi metodi sono riconosciuti come più affidabili, sensibili e accurati rispetto agli altri metodi. Un’ulteriore selettività si ottiene grazie al fatto che il colesterolo viene separato dalle specie interferenti come gli steroli sulle colonne cromatografiche.

Inoltre, per l’analisi sono necessari bassi volumi di campioni. L’analisi del colesterolo e degli esteri del colesterolo è quella eseguita più spesso con la gascromatografia  già dal 1964 che, accoppiata con un rivelatore a ionizzazione di fiamma a idrogeno, fu utilizzata per analizzare il colesterolo nel siero.

I metodi basati sulla spettrometria di massa utilizzano solitamente il colesterolo marcato isotopicamente è comunemente eseguita a causa del suo basso costo e della relativa semplicità. Secondo questo approccio, il colesterolo viene convertito in un derivato ​​non polare come il trimetilsilil etere del colesterolo prima dell’iniezione per aumentare la volatilità e migliorare la cromatografia.

Analisi del colesterolo negli alimenti

Poiché circa il 20–25% del colesterolo presente nel corpo proviene da alimenti di origine animale, come uova, carne e latticini è importante conoscere la concentrazione di colesterolo negli alimenti. Le informazioni  devono essere fornite dai laboratori ai produttori alimentari per un’etichettatura precisa per  informare i consumatori.

Livelli elevati di colesterolo possono portare a malattie umane legate all’alimentazione come arresto cardiaco, paralisi, diabete di tipo II ed emorragia cerebrale. Nelle società con standard di vita elevati, l’interesse e il consumo di alimenti che hanno bassi livelli di colesterolo sono aumentati notevolmente. Ciò ha portato indirettamente alla grande importanza della misurazione accurata del colesterolo e negli alimenti.

analisi del colesterolo negli alimenti
analisi del colesterolo negli alimenti

Per l’analisi del colesterolo negli alimenti di origine vegetale e animale, viene isolata una frazione sterolica dall’estratto lipidico mediante cromatografia su strato sottile o su colonna, dopo idrolisi. Tutti questi metodi condividono comunemente la stessa procedura per la preparazione del campione che prevede la fase di estrazione per saponificazione dei lipidi totali e un’estrazione con solvente multistadio seguita da purificazione e concentrazione.

La quantificazione del colesterolo negli alimenti viene spesso ottenuta mediante gascromatografia con ionizzazione di fiamma (GC-FID) o rilevamento mediante spettrometria di massa (GC-MS), spettrofotometria e cromatografia liquida ad alta prestazione (HPLC). Per il latte e i prodotti correlati, il colesterolo viene inizialmente isolato dalle materie prime mediante estrazione in fase solida (SPE).

Recentemente è stato presentato un metodo rapido e affidabile per la determinazione del colesterolo negli alimenti contenenti uova mediante analisi diretta in spettrometria di massa in tempo reale (DART) che può essere utilizzata per l’analisi del colesterolo presente in campioni alimentari e biologici.

ARGOMENTI

GLI ULTIMI ARGOMENTI

Articolo precedente
Articolo successivo

TI POTREBBE INTERESSARE

Idrolisi degli esteri in ambiente acido e basico, meccanismo

L'idrolisi degli esteri può avvenire in ambiente acido detta retro-Fisher o in ambiente basico ed è detta saponificazione. Gli esteri sono composti organici aventi formula...

Perossidazione lipidica: meccanismo

La perossidazione lipidica può essere descritta come un processo in cui agenti ossidanti come specie reattive all’ossigeno (ROS) e  radicali liberi attaccano i lipidi...

Le proteine e loro struttura

Le proteine sono polimeri i cui monomeri sono costituiti dai venti diversi tipi di amminoacidi presenti in natura. Gli amminoacidi sono composti che contengono...