Mezzi di contrasto

I mezzi di contrasto sono specie in grado di modificare il modo in cui una regione appare in un’immagine.
Molti dettagli delle strutture del corpo umano non sono visibili nell’ambito della diagnostica per immagini pertanto sono utilizzati mezzi di contrasto al fine di evidenziare l’anatomia dell’apparato da studiare.

Il primo utilizzo dei mezzi di contrasto fu nella tecnica radiografica che è il più antico tra i mezzi diagnostici e sono stati utilizzati sin dalla prima scoperta dei raggi X da parte del fisico tedesco Wilhelm Conrad Röntgen nel 1895. La funzione di tali mezzi è quella di opacizzare un organo o una porzione del corpo ai raggi X, fornendo così maggiori informazioni diagnostiche.

diagnostica per immagini
diagnostica per immagini

Nella radiografia un fascio di fotoni di appropriata lunghezza d’onda prodotto da un generatore è trasmesso dopo aver attraversato la parte da esaminare. Le radiazioni sono assorbite in modo variabile a seconda della densità e della composizione della parte che è esposta.

La parte dei raggi che non è assorbita è registrata su una pellicola sensibile e tali radiazioni.
Quindi le ossa che hanno una densità maggiore rispetto ai tessuti molli e alle fibre muscolari assorbono la maggior parte delle radiazioni apparendo come aree bianche ben definite mentre i tessuti appaiono come aree più scure.

Gli organi addominali, lo stomaco, il fegato e i reni assorbono poco le radiazioni fornendo una tenue immagine che non risulta valida ai fini diagnostici.

Tipi di mezzi di contrasto

I mezzi di contrasto utilizzati  sostanzialmente si suddividono in due categorie a seconda degli impieghi a cui sono finalizzati:

I mezzi di contrasto baritati sono costituiti da una sospensione di solfato di bario BaSO4 che risulta essere radiopaco e, trattandosi di un sale che ha una bassissima solubilità, non viene né assorbito né metabolizzato dall’organismo. Tale mezzo di contrasto è utilizzato prevalentemente per lo studio dello stomaco e dell’intestino.

I mezzi di contrasto iodati possono essere liposolubili che ormai sono caduti in disuso a causa della formazione di un legame debole iodio-molecola, con conseguente liberazione del metallo pesante ed accumulo a livello tiroideo o idrosolubili come lo iodixanolo C35H44I6N6O15.

Esso è utilizzato come mezzo di contrasto tra l’altro per radiodiagnostica in cardioangiografia, angiografia, arteriografia periferica e in tomografia computerizzata.

Le applicazioni  delle tecniche diagnostiche sono ancora fortemente limitate dagli inconvenienti intrinseci dei mezzi di contrasto  come la rapida eliminazione, la grave tossicità, l’inefficiente mirabilità e la scarsa sensibilità.

Grazie alla loro elevata biocompatibilità, flessibilità nella preparazione e modificazione e semplicità nel caricamento dei farmaci, le nanoparticelle organiche (NP), inclusi liposomi, nanoemulsioni, micelle, polimerisomi, dendrimeri, polimeri coniugati e particelle polimeriche, hanno dimostrato un enorme potenziale per l’uso nella somministrazione efficiente di mezzi di contrasto iodati

MRI

Per per migliorare la visibilità delle strutture interne del corpo nella risonanza magnetica vengono usati i MRI generalmente costituiti da complessi di gadolinio (III) che sono uno degli esempi di maggior successo di farmaci inorganici, insieme ai composti antitumorali del platino e ai radiofarmaci tecnezio-99m utilizzati per l’imaging cardiaco e osseo.

A differenza della medicina nucleare in cui il paziente riceve il radiofarmaco e poi attende un periodo prima dell’imaging, nella risonanza magnetica l’agente di contrasto viene somministrato mentre il paziente è nello scanner e le immagini diagnostiche appaiono in pochi minuti. Questo aspetto pratico consente una maggiore produttività dei pazienti e facilita il flusso di lavoro nella pratica radiologica.

Il gadolinio non è l’unico elemento che può essere utilizzato per generare il contrasto dell’immagine RM. Le nanoparticelle di ossido di ferro e un complesso di manganese (II) sono stati approvati per l’imaging del fegato.

 

 

 

ARGOMENTI

GLI ULTIMI ARGOMENTI

TI POTREBBE INTERESSARE

Resa percentuale in una reazione. Esercizi svolti e commentati

La resa percentuale di una reazione costituisce un modo per valutare l'economicità di una reazione industriale che può essere accantonata se è bassa. Si possono...

Bilanciamento redox in ambiente basico: esercizi svolti

Il bilanciamento di una reazione redox in ambiente basico  può avvenire con  il metodo delle semireazioni. Nel bilanciamento vanno eliminati di eventuali ioni spettatori...

Reagente limitante: esercizi svolti

Si definisce reagente limitante di una reazione chimica quella specie che si consuma per prima e che determina la quantità dei prodotti di reazione. Per...