Nitrocellulosa o fulmicotone: usi

La nitrocellulosa detta anche nitrato di cellulosa o fulmicotone è il materiale polimerico termoplastico  più antico.  Il chimico inglese Alexander Parkes  ottenne per primo infatti la nitrocellulosa nel 1855.

La sintesi avviene dalla reazione tra le fibre di cellulosa con una soluzione di acido nitrico e generalmente acido solforico. Nella reazione i gruppi -OH presenti nella cellulosa sono sostituiti da gruppi -ONO2 e pertanto è un estere nitrico della cellulosa Cellulose nitrate.svg da Chimicamo

Tipi di nitrocellulosa

A seconda della composizione del bagno, del tempo di immersione e delle condizioni di reazione si ottengono nitrocellulose con grado di nitrazione diverso. Esse quindi presentano diverse proprietà e sono quindi destinate ad usi diversi.

Le nitrocellulose più comuni sono mono- , di- e trinitrocellulosa in cui ciascuna unità di glucosio presente nella cellulosa è legata rispettivamente a uno, due o tre gruppi nitro.

La dinitrocellulosa, ad esempio, è usata in materie plastiche e lacche mentre la trinitrocellulosa per gli esplosivi. La nitrocellulosa anche a basso tenore di azoto è facilmente infiammabile e ciò ha portato a una limitazione dei suoi utilizzi. I polimeri sintetici hanno soppiantato molti usi della nitrocellulosa.

I suoi derivati hanno eccellenti proprietà meccaniche, tra cui un’elevata resistenza agli urti. Tuttavia ha una scarsa stabilità agli agenti atmosferici e al calore e non sono resistenti agli acidi e alle basi anche se diluiti, sono insolubili e stabili in acqua e solventi non polari.

Spesso per ottenere le proprietà desiderate alla nitrocellulosa sono aggiunti additivi come canfora, stabilizzanti e riempitivi.

Usi

E’ utilizzata per ottenente inchiostri per rotocalco e flessografia grazie alla sua reperibilità, economicità e alla sua solubilità in miscele di alcoli e eteri, esteri e idrocarburi.

Un altro utilizzo  è nella formulazione di lacche a rapida asciugatura utilizzate su prodotti di legno grazie alla finitura durevole e all’elevato grado di brillantezza.
Gli smalti alla nitrocellulosa modificati con resine alchidiche sono utilizzati per impieghi industriali su macchinari, pannelli metallici e ovunque sia richiesta una finitura molto rapida.

Nella seconda metà del XIX secolo plastificando la nitrocellulosa con la canfora si ottenne la celluloide che costituì il supporto per le pellicole fotografiche e successivamente per quelle cinematografiche.

Poly Guitar Finishes 1 da Chimicamo
chitarre rifinite alla nitro

Penne stilografiche, manici di ombrelli e giocattoli erano fatti  con celluloide. Montature di occhiali, contenitori, plettri per chitarra e tasti per pianoforti sono realizzati ancora oggi con la celluloide nonostante l’avvento dei polimeri.

Negli anni ’50 e ’60 la lacca nitrocellulosica veniva utilizzata quasi esclusivamente per rifinire le chitarre come le storiche  Gibson , Fender e Martin, ma è ancora in uso oggi. La lacca nitro, infatti, è più porosa rispetto alla sua controparte moderna in poliuretano e renderebbe, secondo i chitarristi  la chitarra più incline a “respirare” e a dare risultati migliori

Se vuoi inviare un esercizio clicca QUI

ARGOMENTI

GLI ULTIMI ARGOMENTI

TI POTREBBE INTERESSARE

Resa percentuale in una reazione. Esercizi svolti e commentati

La resa percentuale di una reazione costituisce un modo per valutare l'economicità di una reazione industriale che può essere accantonata se è bassa. Si possono...

Bilanciamento redox in ambiente basico: esercizi svolti

Il bilanciamento di una reazione redox in ambiente basico  può avvenire con  il metodo delle semireazioni. Nel bilanciamento vanno eliminati di eventuali ioni spettatori...

Temperature di ebollizione di composti organici

Le temperature di ebollizione dei composti organici forniscono informazioni relative alle loro proprietà fisiche e alle caratteristiche della loro struttura e costituiscono una delle...