Emimorfite: diffusione, proprietà, usi

L’emimorfite è un silicato basico di zinco con formula Zn4Si2O7(OH)2· H2O che, insieme alla smithsonite, è un minerale da cui si estrae prevalentemente lo zinco.

Sebbene l’emimorfite e la smithsonite siano minerali diversi con diverse composizioni chimiche e strutture cristalline, sono state spesso confuse. Spesso, infatti, un singolo esemplare è una miscela dei due. Fino alla metà del XIX secolo il nome “calamina” era usato per entrambi i minerali.

Il mineralogista tedesco Adolph Kenngott nel 1853 attribuì questo nome al minerale dal termine emimorfismo. Questo termine si riferisce a cristalli che hanno  un asse di simmetria le cui estremità non sono equivalenti.

Diffusione dell’emimorfite

I minerali associati all’emimorfite sono: smithsonite, sfalerite, cerussite, anglesite e galena .
Si  trova in molti miniere di zinco in tutto il mondo sebbene sia presente sotto forma di microcristalli. Tuttavia, ci sono molte località in cui vi sono ottimi esemplari.

In Europa è presente in  Belgio, Francia, Austria, Grecia, Romania e Italia in particolare in Sardegna. In Asia è presente in Cina, Siberia e Iran mentre in Africa in Namibia e Congo.
Il paese dove vi sono notevoli esemplari è il Messico oltre agli Stati Uniti nel Colorado, Arizona, New Jersey e Missouri.

Proprietà

emimorfite
emimorfite

Si presenta in due forme diverse, ma distinte: cristallina o globulare. La maggior parte delle emimorfiti è bianca, grigia, incolore o marrone. Gli esemplari rari con cristalli apprezzati dai collezionisti di minerali sono di colore giallo, verde bluastro o blu brillante.

Cristallizza secondo un sistema ortorombico, ha un peso specifico tra 3.4 e 3.5 e una durezza, nella scala di Mohs tra 4.5 e 5.

Usi

Oltre che per l’estrazione dello zinco l’emimorfite è una gemma da collezione preferita perché si presenta in una gamma di colori spettacolari. A causa della sua scarsa durezza  e della sua scollatura perfetta è scarsamente utilizzata in gioielleria perché è fragile e si rompe facilmente all’impatto.

Stante l’elevata richiesta nel 2020 sono arrivati ​​sul mercato numerosi cristalli blu elettrico da miniere messicane. Si è scoperto, tuttavia, che la colorazione era dovuta al blu di ftalocianina, pigmento blu sintetico brillante

ARGOMENTI

GLI ULTIMI ARGOMENTI

Fase nematica

Linee spettrali

TI POTREBBE INTERESSARE

Resa percentuale in una reazione. Esercizi svolti e commentati

La resa percentuale di una reazione costituisce un modo per valutare l'economicità di una reazione industriale che può essere accantonata se è bassa. Si possono...

Bilanciamento redox in ambiente basico: esercizi svolti

Il bilanciamento di una reazione redox in ambiente basico  può avvenire con  il metodo delle semireazioni. Nel bilanciamento vanno eliminati di eventuali ioni spettatori...

Reagente limitante: esercizi svolti

Si definisce reagente limitante di una reazione chimica quella specie che si consuma per prima e che determina la quantità dei prodotti di reazione. Per...