Codeina: struttura, proprietà, effetti

La codeina o 3-metilmorfina fu isolata per la prima volta nel 1832 ed è un oppioide con proprietà analgesiche, antitosse, antidiarroiche, antipertensive, ansiolitiche, antidepressive, sedative  e ipnotiche. E’ un alcaloide presente nell’oppio in ragione di circa il  3%.

Sebbene sia ottenuta da fonti naturali come il Papaver somniferum essa è ottenuta tramite un processo semisintetico a partire dalla morfina per gli usi farmaceutici. Rispetto alla morfina ha con un potenziale analgesico e sedativo inferiore, ma con minori effetti collaterali tra cui il rischio di assuefazione e dipendenza.

La codeina, infatti, è simile alla morfina sia da un punto di vista strutturale che dal un punto di vista farmacologico. Gli effetti analgesici della codeina sono imputabili alla sua azione sul sistema nervoso centrale ed attenua la percezione del dolore senza provocare la perdita di conoscenza.

Struttura della codeina

Ha formula bruta C18H21NO3 e il suonome I.U.P.A.C.  è (5α,6α)-7,8-dideidro-4,5-epossi-3metossi-17-metilmorfinan-6-olo

Proprietà

Si presenta in forma cristallina poco solubile in acqua ma solubile in solventi organici quali alcol ed etere. Dalla codeina derivano sali (fosfato, solfato, bromuro, cloridrato) facilmente solubili in acqua e usati in medicina in particolare nei preparati antitussivi. Per tali proprietà la codeina è impiegata in terapie contro la tosse secca e in associazione con sostanze balsamiche e disinfettanti delle vie respiratorie.

struttura
struttura

Come tutti gli antitussivi, la codeina, agendo a livello centrale, blocca il riflesso della tosse pertanto in caso di tosse produttiva è controindicata in quanto impedisce l’espulsione di muco e quindi può causare un’ostruzione bronchiale. La codeina è disponibile in compresse, capsule o sciroppo e spesso, soprattutto nella terapia del dolore è associata a paracetamolo che ne potenzia gli effetti analgesici mitigandone gli effetti collaterali.

Fermo restando che la codeina deve essere assunta solo su prescrizione medica, è necessario sapere che presenta effetti collaterali come problemi digestivi o sonnolenza. Pertanto è sconsigliabile mettersi alla guida dopo aver assunto un preparato a base di codeina ed inoltre è essenziale astenersi dal bere alcolici. L’alcol può, infatti, intensificare alcuni effetti collaterali di carattere emotivo e mentale, come sonnolenza e cambiamenti repentini di umore.

Non va assunta in casi di insufficienza respiratoria, indipendentemente dal grado, in quanto la codeina ha un effetto depressivo sui centri respiratori.

Effetti collaterali

Quando è assunta oltre le dosi consigliate o per periodi particolarmente lunghi può invece indurre:

  • mal di testa
  • stitichezza (è talvolta utilizzata come antidiarroico)
  • nausea
  • bocca secca
  • dipendenza
  • vomito
  • sindrome da intestino irritabile .

e, molto più raramente, vertigini e palpitazioni

Sebbene sia considerata un oppioide debole, con l’uso a lungo termine, la codeina, come tutti gli oppioidi, è associata a problemi di tolleranza e dipendenza. In particolare, è un problema l’abuso della sostanza con prodotti combinati, in quanto ciò determina spesso un’esposizione a dosi superiori a quelle terapeutiche di paracetamolo o FANS. Sono stati riportati casi di decesso e di gravi patologie, quali epatotossicità ed emorragia gastrica.

ARGOMENTI

GLI ULTIMI ARGOMENTI

Linee spettrali

Tenebrescenza

TI POTREBBE INTERESSARE

Resa percentuale in una reazione. Esercizi svolti e commentati

La resa percentuale di una reazione costituisce un modo per valutare l'economicità di una reazione industriale che può essere accantonata se è bassa. Si possono...

Bilanciamento redox in ambiente basico: esercizi svolti

Il bilanciamento di una reazione redox in ambiente basico  può avvenire con  il metodo delle semireazioni. Nel bilanciamento vanno eliminati di eventuali ioni spettatori...

Legge di Proust: esercizi svolti

La Legge delle proporzioni definite e costanti nota anche come Legge di Proust che è la più importante delle leggi ponderali della chimica ove...