Alcol denaturato: classificazione, denaturazione

L’alcol denaturato è costituito da etanolo che, attraverso un processo di denaturazione, diventa imbevibile ma utilizzabile in molti campi
L’alcol etilico è tassato in tutti i paesi occidentali essendo considerato, unitamente a tabacco, profumo,  automobili oltre una certa cilindrata ecc. come bene di lusso.

L’alcol etilico, oltre a essere un componente delle bevande alcoliche, di cui peraltro ci cerca di limitare il consumo, è usato largamente sia dalle industrie che nelle case per le sue proprietà solventi e disinfettanti. Onde evitare che un’elevata accisa possa gravare sulle industrie e sui bilanci familiari, l’etanolo è denaturato per renderlo inidoneo al consumo umano  in modo che il suo costo sia accettabile.

La denaturazione è quindi fatta per rendere l’alcol imbevibile rimuovendolo dalla catena alimentare e quindi destinabile a tutti gli altri scopi senza alterarne le caratteristiche.

All’alcol determinate sostanze denaturanti a seconda della destinazione che devono essere compatibili per gli usi a cui sono destinate e devono essere separabili dall’etanolo con estrema difficoltà onde impedire che con una semplice distillazione possano essere allontanate da esso.

Classificazione

Esistono due tipi di alcol denaturato: l’alcol denaturato speciale e l’alcol completamente denaturato.

L’alcol denaturato speciale SDA usato dall’industria cosmetica e più estesamente da quella farmaceutica, a sua volta è additivato con sostanze denaturanti diverse. Ad esempio per l’alcol destinato alla formulazione dei profumi è aggiunto il denatonio benzoato unitamente all’alcol ter-butilico oppure dietilftalato e alcol ter-butilico.

Per lacche e prodotti per capelli l’alcol è denaturato per aggiunta di alcol isopropilico e alcol ter-butilico. Per i deodoranti e altri prodotti per la pelle  si aggiunge muschio naturale o sintetico e alcol ter-butilico. Invece per l’igiene dei denti e della bocca è aggiunto il timolo.

L’ alcol completamente denaturato (CDA) è usato nell’industria per produrre , ad esempio, solventi, combustibili, detersivi, lucidi per scarpe, insetticidi.

Tra i denaturanti vi è il metanolo che ha un punto di ebollizione tale da essere separato dall’etanolo con estrema difficoltà, piridina. Più comunemente sono usati il metil- isobutil chetone unitamente a isomeri del nitropropano o metil- n-butil chetone, kerosene, benzina, solventi idrocarburici o eptano.

All’alcol denaturato è inoltre aggiunto un colorante come il violetto di metile o il Reactive Red per evitare consumi accidentali e distinguerlo dall’etanolo

ARGOMENTI

GLI ULTIMI ARGOMENTI

TI POTREBBE INTERESSARE

Resa percentuale in una reazione. Esercizi svolti e commentati

La resa percentuale di una reazione costituisce un modo per valutare l'economicità di una reazione industriale che può essere accantonata se è bassa. Si possono...

Bilanciamento redox in ambiente basico: esercizi svolti

Il bilanciamento di una reazione redox in ambiente basico  può avvenire con  il metodo delle semireazioni. Nel bilanciamento vanno eliminati di eventuali ioni spettatori...

Reagente limitante: esercizi svolti

Si definisce reagente limitante di una reazione chimica quella specie che si consuma per prima e che determina la quantità dei prodotti di reazione. Per...