Ritardanti di fiamma bio-based: cardanolo, acido fitico, amido

I ritardanti di fiamma bio-based costituiscono un’alternativa rispettosa dell’ambiente rispetto ai ritardanti di fiamma tradizionali come quelli alogenati. In particolare i ritardanti di fiamma bromurati (BFR) da un punto di vista ambientale, sono altamente resistenti alla degradazione chimica, biologica e fotolitica e sono in grado di migrare a lungo raggio e di bioaccumularsi nei tessuti viventi.

I ritardanti di fiamma alogenati producono, infatti, durante la combustione, gas tossici come alogenuri di idrogeno e fumo. Inoltre essi rendono difficile se non impossibile riciclare in modo sicuro le parti in plastica delle apparecchiature elettriche o elettroniche.

Ritardanti di fiamma organofosforici

Meno inquinanti di quelli alogenati vi sono gli organofosforici.  Il loro meccanismo d’azione in fase gassosa è molto simile a quello dei composti alogenati. I radicali idrogeno e idrossile possono essere sostituiti da radicali meno energetici o combinati per formare prodotti gassosi innocui. Essi durante il processo di combustione producono acidi fosforici, i quali, reagendo con il supporto, producono una carbonizzazione che funge da protezione del supporto stesso

Ritardanti di fiamma bio-based

La ricerca si è indirizzata allo sviluppo di materiali ignifughi più ecologici e sostenibili e si è concentrata sulla ricerca di ritardanti di fiamma bio-based basati su risorse di biomassa verde e rinnovabile.

Esempi di ritardanti di fiamma bio-based

Sono elencati alcuni materiali utilizzati per ottenere ritardanti di fiamma bio-based

Cardanolo

È un lipide fenolico derivante dall’acido anacardico ottenuto da rifiuti derivanti dalla lavorazione di anacardi.

cardanolo
cardanolo

La deidroclorurazione seguita da epossidazione e reazione di apertura dell’anello dal cardanolo porta alla formazione di nuovi monomeri epossidici fosforilati

Acido fitico

È un estere diidrogenofosfato dell’inositolo sostanza presente in molti alimenti a base vegetale come cereali o fagioli. È un materiale promettente a causa del suo alto contenuto di fosforo e utilizzato per diversi materiali polimerici.

acido fitico
acido fitico

A seconda del metodo utilizzato si ottengono diverse modalità di azione e prestazioni di resistenza al fuoco.

Amido

Compositi  ignifughi biodegradabili sono stati ottenuti da amido, tessuto di lino e polifosfato di ammonio.

Attraverso un processo di macinazione meccanica si plastifica l’amido  e si incorporano quantità variabili di polifosfato di ammonio. Questo tipo di materiale ha mostrato una significativa efficienza verso l’autoestinzione della fiamma e della fiamma diretta

Altri esempi sono la lignina, il chitosano, l’acido tannico e la β-ciclodestrina.

ARGOMENTI

GLI ULTIMI ARGOMENTI

Articolo precedente
Articolo successivo

TI POTREBBE INTERESSARE

Temperature di ebollizione di composti organici

Le temperature di ebollizione dei composti organici forniscono informazioni relative alle loro proprietà fisiche e alle caratteristiche della loro struttura e costituiscono una delle...

Nomenclatura degli alcani. Esercizi svolti

La nomenclatura degli alcani costituisce, in genere, il primo approccio per quanti iniziano a studiare la chimica organica Nomenclatura Le regole per la nomenclatura degli alcani...

Priorità dei gruppi funzionali

Se il composto ha più gruppi funzionali ad essi viene assegnato un ordine di priorità in quanto solo un gruppo funzionale può essere indicato...