Perfluoropolieteri

I perfluoropolieteri (PFPE) sono polimeri sintetici derivanti dalla fluoroalchilazione delle olefine prodotti inizialmente dalla Dupont e dalla Montedison e sintetizzati per la United States Air Force che richiedeva un lubrificante liquido che non reagisse con l’ossigeno.

I perfluoropolieteri hanno generalmente un peso molecolare medio compreso tra 500 e 16000 e sono una classe di lubrificanti liquidi in uso per oltre 25 anni in molte applicazioni su veicoli spaziali realizzati dalla polimerizzazione di monomeri perfluorurati costituiti da carbonio, ossigeno e fluoro.

Il legame C–O fornisce flessibilità e stabilità termica mentre il legame C–F mostra una resistenza chimica superiore e una bassa energia superficiale, con conseguente riduzione dell’attrito e migliore lubrificazione. I legami C–C costituiscono lo scheletro dei polimeri garantendo l’integrità strutturale.

I perfluoropolieteri  sono specie polimeriche contenenti ripetizioni di unità di etere metilico, etere etilico o isopropilico perfluorurato e possono avere una varietà di  gruppi terminali specifici a seconda dell’applicazione a cui sono destinati.

Sintesi dei perfluoropolieteri

I due principali metodi di sintesi del perfluoropolietere sono la polimerizzazione fotocatalitica e la polimerizzazione catalitica anionica. Nella polimerizzazione fotocatalitica i monomeri di partenza sono il tetrafluoroetilene o esafluoropropilene che reagiscono con l’ossigeno sotto l’azione di luce ultravioletta a bassa temperatura.

Tuttavia, nel prodotto della reazione oltre al gruppo terminale del fluoruro acilico, sono presenti gruppi perossido instabili, che vengono eliminati mediante riscaldamento o illuminazione, e quindi stabilizzati dal fluoro elementare.

ossido di esafluoropropilene
ossido di esafluoropropilene

Nella polimerizzazione anionica catalitica  il monomero di partenza è l’ossido di perfluoropropilene come e lo ione fluoruro come catalizzatore in solvente non protico. Si ottiene un oligomero di ossido di perfluoropropilene contenente un gruppo terminale di fluoruro acilico e il perfluoropolietere può essere ottenuto mediante stabilizzazione del gruppo terminale di fluoruro acilico.

Tipi di perfluoropolieteri

A seconda dei diversi monomeri utilizzati e del metodo di polimerizzazione usati per la loro sintesi si possono ottenere perfluoropolieteri con differenti strutture molecolari che sono classificate rispettivamente con le lettere K, Y, Z e D.

struttura di tipo K
struttura di tipo K

La struttura di tipo K ha formula CF3CF2CF2O[CF(CF3)CF2O]nCF(CF3)COF. Tale struttura si riferisce a una serie di polimeri ramificati formati dalla polimerizzazione del 2,2,3-trifluoro-3-(trifluorometil)ossirano noto come ossido di esafluoropropilene (HFPO) catalizzata dal fluoruro di cesio.

struttura di tipo Y
struttura di tipo Y

I perfluoropolieteri con struttura di tipo Y hanno peso molecolare generalmente compreso tra 1000 e 10000 e formula CF3O (C3F6O) x (CF2O)yCF3 e sono polimeri formati dalla fotoossidazione del perfluoropropene (HFP)noto come esafluoropropene sotto luce ultravioletta.

La struttura di tipo Z ha formula CF3(C2F4O)m (CF2O)n CF3. Tali polimeri sono lineari con peso molecolare generalmente compreso tra 1000 e 100000 formati dalla fotoossidazione del tetrafluoroetilene (TFE) sotto l’azione della luce ultravioletta.

La struttura di tipo D ha formula C3F7O(CF2CF2CF2O)mC2F5 e sono ottenuti per fluorurazione diretta del prodotto polimerico del butano tetrafluoroossieterociclico. Hanno  una struttura non schermante e la loro stabilità è scarsa rispetto alle altre strutture.

Possono essere utilizzati nella forma originale o essere formulati in grassi per applicazioni specifiche nelle industrie chimiche ed elettroniche, cosmetici, macchinari, aerospaziali e nucleari che richiedono elevate prestazioni lubrificanti.

Proprietà

I perfluoropolieteri  sono incolori, insapori, non velenosi, ipoallergenici e hanno eccellenti proprietà di manipolazione, elevata stabilità chimica, viscosità inferiore e sono in grado di formare film. Inoltre, per il loro utilizzo quali lubrificanti liquidi, devono possedere determinate caratteristiche fisiche e proprietà chimiche.

Tra le proprietà peculiari dei perfluoropolieteri vi è una bassa tensione di vapore, una bassa tendenza allo scorrimento viscoso, indice di viscosità elevato, trasparenza ottica, resistenza alla corrosione e resistenza alle radiazioni e all’ossigeno atomico.

Sotto forma di oli o grassi sono sicuri da usare in varie applicazioni, dove la resistenza al fuoco è un requisito indispensabile. Grazie alla loro inerzia chimica e resistenza alle radiazioni sono utilizzati quali lubrificanti liquidi negli impianti chimici e nucleari.

l perfluoropolieteri hanno un ruolo importante nelle applicazioni energetiche a causa delle sue caratteristiche di superidrofobicità, non cristallinità, non infiammabilità, bassa tossicità e permeabilità ai gas.

ARGOMENTI

GLI ULTIMI ARGOMENTI

Articolo precedente
Articolo successivo

TI POTREBBE INTERESSARE

Temperature di ebollizione di composti organici

Le temperature di ebollizione dei composti organici forniscono informazioni relative alle loro proprietà fisiche e alle caratteristiche della loro struttura e costituiscono una delle...

Nomenclatura degli alcani. Esercizi svolti

La nomenclatura degli alcani costituisce, in genere, il primo approccio per quanti iniziano a studiare la chimica organica Nomenclatura Le regole per la nomenclatura degli alcani...

Priorità dei gruppi funzionali

Se il composto ha più gruppi funzionali ad essi viene assegnato un ordine di priorità in quanto solo un gruppo funzionale può essere indicato...