Numero di coordinazione: fattori che lo influenzano

Il numero di coordinazione è il numero di ioni o molecole legati ad un atomo centrale e assume più comunemente i valori 2, 4 e 6
I composti di coordinazione sono anche detti complessi in quanto molti di essi sono formati dall’addizione di composti capaci ciascuno di esistenza autonoma.

Ad esempio se è aggiunta ammoniaca ad una soluzione acquosa di cloruro di nichel (II) si ottiene un nuovo composto la cui stechiometria può essere espressa dalla formula NiCl2· 6 NH3
In esso lo ione nichel (II) coordina sei molecole di ammoniaca; il numero di atomi legati allo ione centrale definisce il numero di coordinazione.
I gruppi coordinati, in questo caso l’ammoniaca, sono chiamati leganti e l’atomo del gruppo che è direttamente legato all’atomo metallico è detto atomo donatore.
Nei composti di coordinazione esso corrisponde al numero di leganti legati all’atomo centrale che in genere assume valori da due a nove.

Fattori 


Esso è influenzato dalle dimensioni dello ione metallico e dei leganti e da fattori elettronici coma la carica che dipende dalla configurazione elettronica dello ione metallico.

Questi effetti competitivi sono descritti dal potenziale ionico che  è definito come il rapporto tra carica e raggio. Metalli aventi grandi dimensioni e leganti di piccole dimensioni presentano un alto numero di coordinazione come ad esempio [Mo(CN)8]4-mentre metalli di piccole dimensioni,  e leganti di grandi dimensioni presentano un basso numero di coordinazione come ad esempio Pt[{P(C6H5)3}3].

Complessi 

I  complessi con numero di coordinazione 2 poco comuni hanno geometria lineare e si presentano con cationi di  metalli pesanti aventi configurazione elettronica d10. Esempi sono [Au(CN)2] e [Ag(NH3)2]+

 

I complessi con numero di coordinazione 3 sono poco comuni e possono presentare più di una geometria molecolare: trigonale planare, trigonale piramidale e a forma di T

esempio

I complessi con numero di coordinazione 4 possono avere due tipi di geometria: tetraedrica e quadrato planare

numero di coordinazione 4

La geometria tetraedrica è la più comune  ed è tipica di complessi in cui è presente cobalto e rame come ad esempio [CoCl4]2- e [CuCl4]2-.
La geometria quadrato planare è poco comune e viene esibita da complessi come il cis platino cis-Pt(Cl)2(NH3)2

Cisplatino

 

I complessi con numero di coordinazione 5 possono avere due tipi di geometria: trigonale bipiramidale e quadrato-piramidale

numero di coordinazione 5

Esempi   sono [CuCl5]3-  a geometria trigonale bipiramidale e [Ni(CN)5]3- con geometria quadrato-piramidale.

 

I complessi con numero di coordinazione 6 possono avere geometria esagonale planare,  a forma di prisma trigonale in cui sono in genere presenti leganti bidentati come gli ossalati e ottaedrica che è la più comune.

esempio 6

Quelli a geometria ottaedrica spesso sono costituiti da ioni metallici della prima riga dei metalli di transizione

I complessi con numero  maggiore hanno varie geometrie e sono tipici di metalli aventi grandi dimensioni come i lantanidi; esempi sono costituiti dai complessi [NbF7]2- e [ReH9]2-

 

 

 

ARGOMENTI

GLI ULTIMI ARGOMENTI

Nitruro di gallio

TI POTREBBE INTERESSARE

Resa percentuale in una reazione. Esercizi svolti e commentati

La resa percentuale di una reazione costituisce un modo per valutare l'economicità di una reazione industriale che può essere accantonata se è bassa. Si possono...

Bilanciamento redox in ambiente basico: esercizi svolti

Il bilanciamento di una reazione redox in ambiente basico  può avvenire con  il metodo delle semireazioni. Nel bilanciamento vanno eliminati di eventuali ioni spettatori...

Temperature di ebollizione di composti organici

Le temperature di ebollizione dei composti organici forniscono informazioni relative alle loro proprietà fisiche e alle caratteristiche della loro struttura e costituiscono una delle...