Lattoferrina: ruolo nel potenziamento del sistema immunitario

La lattoferrina è una proteina che si trova nelle secrezioni della mucosa, tra cui lacrime, saliva, fluidi vaginali, sperma, secrezioni nasali e bronchiali, bile, fluidi gastrointestinali, urina e soprattutto nel latte dei mammiferi dove costituisce è la seconda proteina più abbondante dopo la caseina.

La lattoferrina, nota anche come lattotransferrina appartiene alla famiglia delle transferrine e svolge diverse funzioni importanti nell’organismo avendo proprietà antimicrobiche e antivirali: essa infatti agisce come un potente sostegno per il sistema immunitario e protegge l’organismo dalle infezioni.

Ha un’elevata affinità nei confronti del ferro ottenimento,  è l’unica transferrina con la capacità legarsi ad esso in un ampio intervallo di pH compreso il pH estremamente acido e ciò conferisce alla lattoferrina proprietà antiossidanti.

latte
latte

È stata scoperta da due gruppi di ricerca indipendenti nel corso degli anni ’60. Il dottor Reinhart H. Sauter e il dottor Albert O. Muhlebach, entrambi biochimici svizzeri, sono stati i primi a isolare e caratterizzare la lattoferrina dal latte bovino nel 1960.

Nel 1961, è stata anche scoperta in forma umana da parte del dottor Arturo Zanetti, un medico italiano specializzato in immunologia. Queste scoperte hanno gettato le basi per la comprensione delle proprietà e delle funzioni della lattoferrina nella biologia e nella medicina.

Struttura della lattoferrina

struttura della lattoferrina da Chimicamo
struttura della lattoferrina

È una proteina costituita da una sequenza di amminoacidi disposta in una struttura tridimensionale complessa. La sua struttura primaria consiste in una catena polipeptidica composta da circa 690 amminoacidi.

La struttura contiene due lobi omologhi che sono collegati da un’α-elica noti come dominio N e dominio C e ciascun lobo è ulteriormente suddiviso in due domini. Ogni molecola è in grado di legare due ioni metallici, uno in ciascun lobo; i siti di legame del metallo si trovano nella profonda fenditura formata tra i due domini e il legame del metallo è sempre associato al legame concomitante di un anione carbonato.

Esiste in tre diverse isoforme: α che lega il ferro, mentre β e g hanno entrambe attività ribonucleasica ma non legano il ferro

Nonostante l’altissima affinità per il ferro, è comunque in grado di legare una varietà sorprendentemente ampia di altri ioni metallici tra cui alluminio e gallio, metalli di transizione come vanadio, manganese, rame, rutenio e cadmio, insieme ai metalli delle terre rare e ad alcuni attinidi

È una proteina legante il ferro che fa parte della famiglia delle proteine ​​della transferrina, insieme alla transferrina sierica, all’ovotransferrina, alla melanotransferrina e all’inibitore dell’anidrasi carbonica, la cui funzione è quella di trasportare il ferro nel siero del sangue.

Funzioni della lattoferrina

La lattoferrina ha proprietà antimicrobiche, il che significa che può aiutare a combattere le infezioni batteriche e fungine. Si lega al ferro e lo rilascia gradualmente, limitando la disponibilità di questo minerale per i microrganismi patogeni, inibendone la crescita.

Ha anche proprietà antimicotiche e antivirali contro un ampio spettro di virus, incluso SARS-CoV-2 che causa COVID-19 e migliora anche l’attività delle cellule killer naturali nella difesa immunitaria e può limitare l’ingresso del virus nelle cellule ospiti durante l’infezione.

Inoltre, diverse indagini hanno stabilito che è coinvolta nel metabolismo osseo, nello sviluppo neurale e nei disordini metabolici. Può aiutare a bilanciare la flora batterica intestinale, ridurre l’infiammazione e supportare la guarigione delle lesioni.

Usi

È ampiamente utilizzata come integratore alimentare per migliorare lo stato immunitario dei pazienti e può anche svolgere un ruolo nell’attivazione della loro risposta immunitaria.

decoloranti

La lattoferrina è utilizzata anche nel settore cosmetico in una serie di prodotti di bellezza tra cui trucco e articoli per la cura dei capelli, del viso e del corpo in quanto stimola il metabolismo della pelle e ha un effetto anti-età grazie alle sue proprietà antiossidanti che combattono i radicali liberi.

Il suo ruolo protettivo in diverse patologie orali, come alitosi, danno osseo alveolare o mascellare, gengivite e parodontite. A differenza della terapia antibiotica, che è inefficace contro i batteri che si trovano all’interno di un biofilm, aderente o intracellulare, la somministrazione topica di lattoferrina, ha dimostrato di essere efficace nel trattamento di tutte le patologie orali conosciute senza alcun effetto negativo

Riducendo la quantità di ioni ferrici liberamente disponibili, inibisce lo sviluppo di alcuni batteri e problemi correlati.

Tuttavia la lattoferrina è sensibile alla denaturazione indotta dalla temperatura e da altri stress fisico-chimici. Pertanto, i processi di estrazione, formazione della polvere e i parametri di lavorazione dei prodotti che la contengono devono essere ottimizzati per ridurre al minimo la sua denaturazione.

ARGOMENTI

GLI ULTIMI ARGOMENTI

TI POTREBBE INTERESSARE

Solubilità dei composti organici: test di solubilità

La solubilità dei composti organici è correlata alla loro struttura e riveste inoltre una grande importanza ai fini sintetici. Viceversa la conoscenza della struttura di...

Perossidazione lipidica: meccanismo

La perossidazione lipidica può essere descritta come un processo in cui agenti ossidanti come specie reattive all’ossigeno (ROS) e  radicali liberi attaccano i lipidi...

Le proteine e loro struttura

Le proteine sono polimeri i cui monomeri sono costituiti dai venti diversi tipi di amminoacidi presenti in natura. Gli amminoacidi sono composti che contengono...