Tag: gascromatografia

Tempo di ritenzione: analisi cromatografica

Il tempo di ritenzione (RT) è un termine usato in cromatografia per indicare il tempo che impiega un composto ad attraversare una colonna cromatografica È...

Nandrolone: chimica, doping, danni

Il nandrolone è presente naturalmente nel corpo umano in piccole quantità. Tuttavia è usato da alcuni atleti in quanto aumenta la massa muscolare senza...

Metodo dello standard interno: segnale dell’analita e concentrazione

Il metodo dello standard interno  consiste nell’introdurre negli standard e nei campioni una quantità nota di un elemento o di un composto non presente...

Spettrometria per mobilità ionica: principio, utilizzo

La spettrometria per mobilità ionica è una tecnica analitica che è usata per la rilevazione di composti presenti nell’atmosfera come gas: nervini, irritanti per...

Poliidrossialcanoati

I poliidrossialcanoati (PHAs) sono polimeri naturali sintetizzati da numerosi batteri come riserva energetica e presenti sotto forma di granuli nel citoplasma cellulare. I poliidrossialcanoati sono...

Titolazione Karl Fischer: applicazioni, reazioni

In chimica analitica la titolazione Karl Fischer è un metodo universalmente riconosciuto per la misura del contenuto di acqua in tutti i tipi di...

Anfetamina: struttura, effetti

L' anfetamina il cui nome I.U.P.A.C. è (RS)- 2-ammino-1-fenilpropano fa parte di una ampia gamma di composti appartenenti alle fenetilammine. La struttura di base dell'anfetamina...

Idrossilasi

Le idrossilasi sono enzimi appartenenti alla classe delle ossidoreduttasi che catalizzano le reazioni di idrossilazione in cui un gruppo -C-H viene ossidato a gruppo -COH che costituisce il primo stadio della degradazione ossidativa aerobica. Le idrossilasi, insieme alle perossidasi, reduttasi, deidrogenasi, ossidasi e ossigenasi sono sottoclassi delle ossidoreduttasi, classe di enzimi che catalizzano le reazioni di ossidoriduzione ovvero quelle reazioni in cui una specie detta...

Calciocianammide

La calciocianammide è stato il primo fertilizzante in cui è utilizzato l’azoto atmosferico per la nutrizione delle piante. È costituita dallo ione calcio Ca2+ e dall’anione cianammide CN22− ed ha pertanto formula CaCN2. La calciocianammide allo stato puro si presenta sotto forma di cristalli esagonali appartenenti al sistema romboedrico. La calciocianammide di qualità commerciale può essere in polvere o si presenta sotto forma di grumi...