Attrito radente, volvente, viscoso

L’attrito è una forza che si oppone al moto relativo tra i sistemi in contatto tra loro.
Esso è parallelo alla superficie di contatto tra i sistemi ed ha sempre il verso che si oppone al movimento.

Dipende dalla:

  • rugosità fra le due superfici di contatto
  • temperatura delle superfici
  • presenza di eventuali lubrificanti

La rugosità è la proprietà che ha una superficie di un corpo costituita da piccole imperfezioni che si presentano generalmente in forma di solchi o scalfitture, di forma, profondità e direzione variabili.

Gran parte dell’attrito dovuto alle forze attrattive tra le molecole presenti nei due corpi e anche le superfici perfettamente lisce non sono prive di attrito. Tali forze di adesione dipendono anche dal materiale di cui sono costituite le superfici. Si spiega così, ad esempio, perché le scarpe con suola in gomma scivolano meno di quelle con suola in cuoio.

Attrito e prima legge di Newton

Secondo la prima legge di Newton:
“ un corpo persevera nel suo stato di quiete o di moto rettilineo uniforme se su di esso non agiscono forze esterne”.

Se un corpo dotato di moto rettilineo uniforme dopo un certo tempo si ferma subisce una variazione della sua quantità di moto p = m · v
Δp /Δt= F che costituisce la forza di attrito

Classificazione

L’attrito può essere di tipo:

  • radente che può essere di tipo dinamico o statico e agisce parallelamente alle superfici che scivolano l’una sull’altra.

Ad esempio si verifica tra le pastiglie dei freni e i cerchi della bicicletta Questo attrito rallenta le ruote in movimento in modo la bicicletta possa fermarsi. Un attrito radente di tipo statico è costituito da una forza che impedisce a un corpo in quiete su una superficie di muoversi. È infatti necessaria una forza tale da superarlo affinché possa iniziare il suo moto

  • volvente che si verifica quando un corpo rotola senza strisciare su una superficie. Esso è molto più debole di quello radente e di quello statico. Ciò spiega perché la maggior parte delle forme di trasporto utilizzano le ruote come biciclette, automobili, pattini a rotelle, scooter e skateboard.
  • viscoso che agisce sugli oggetti che si muovono attraverso un fluido costituito da un liquido o un gas. Infatti in ogni istante le particelle di un fluido a contatto con il corpo sono in moto con il corpo. Ciò è dovuto al fatto che quest’ultimo esercita una forza sulle particelle di fluido, che, inizialmente ferme, si mettono in moto. Per la terza legge di Newton le particelle di fluido esercitano una forza sul corpo in verso opposto alla sua velocità.

ARGOMENTI

GLI ULTIMI ARGOMENTI

TI POTREBBE INTERESSARE

Esercizi sulla legge di Ohm

Gli esercizi sulla legge di Ohm che sono proposti in genere richiedono il calcolo di una delle grandezze note le altre due. La legge di...

Q test: formula, test

Il Q test o test di Dixon è un modo per trovare valori anomali in set di dati molto piccoli, normalmente distribuiti da 3...

Forze non conservative: teorema dell’energia cinetica

Le forze non conservative dette dissipative sono quelle forze per le quali il lavoro fatto durante lo spostamento dipende dal percorso seguito. Le forze...