Effetti benefici del citrale

Numerosi sono gli usi e gli effetti benefici del citrale, miscela dei due isomeri geraniale e nerale,  componente predominante dell’olio di citronella e nella scorza di limone.

È contenuto anche nel mirto australiano, nella Litsea Cubeba, nell’albero del tè d’ulivo, nella verbena odorosa, nella melissa e nel lime.

Il citrale, il cui nome I.U.P.A.C. è 3,7-dimetil-2,6-ottadienale è ampiamente utilizzato nell’industria alimentare, cosmetica e dei detergenti.

Modulazione dell’obesità 

L’olio essenziale di citronella possiede numerose proprietà terapeutiche tra cui la modulazione dell’obesità in vivo.

Il citrale, infatti, è un inibitore della retinaldeide deidrogenasi enzima primario che metabolizza la retinaldeide. Quest’ultima inibisce l’adipogenesi, aumenta il tasso metabolico, riduce l’aumento di peso e migliora la tolleranza al carico di glucosio.

Il citrale ha quindi effetti sul peso corporeo, tolleranza al glucosio, glicemia a digiuno e sui livelli di insulina e sul tasso metabolico. Aumenta la dissipazione di energia e riduce l’accumulo di lipidi prevenendo l’obesità indotta dalla dieta. Nell’attuale scenario di crescente prevalenza di obesità e diabete, il citrale potrebbe rivelarsi un nuovo agente.

 

Medicina tradizionale

Secondo la medicina tradizionale indiana, cinese e brasiliana gli effetti benefici del citrale sono molteplici. È utilizzato nel trattamento di febbre e infezioni, mal di testa, dolori di stomaco e dolori reumatici. Inoltre avrebbe azioni sedative, antispasmodiche, analgesiche, antinfiammatorie e antiipertensive.

È usato anche come analgesico, antiemetico, antitosse, antisettico e trattamento per disturbi nervosi e gastrointestinali e come antibatterico, antidiarroico e antiossidante

Altri usi del citrale

Il forte odore di limone del citrale lo ha reso un popolare additivo in molte formulazioni.

È infatti ampiamente utilizzato come ingrediente di fragranze e aromi in alimenti, bevande e numerosi prodotti per la casa. Ha dimostrato di avere un’attività antimicrobica apprezzabile sia contro i batteri gram-positivi che gram-negativi, nonché contro i funghi. Pertanto, può essere utilizzato come conservante nella formulazione di cosmetici e prodotti per la cura personale.

È usato in molti cosmetici tra cui lozioni dopobarba, prodotti per il bagno, creme idratanti, profumi e acque di colonia e altri prodotti per la cura dei capelli. Per la sua azione antimicotica è presente negli shampoo antiforfora e per le sue proprietà antibatteriche e astringenti purifica i pori della pelle.

Recentemente se ne sta sperimentando l’uso quale indurente per unghie

ARGOMENTI

GLI ULTIMI ARGOMENTI

TI POTREBBE INTERESSARE

Resa percentuale in una reazione. Esercizi svolti e commentati

La resa percentuale di una reazione costituisce un modo per valutare l'economicità di una reazione industriale che può essere accantonata se è bassa. Si possono...

Bilanciamento redox in ambiente basico: esercizi svolti

Il bilanciamento di una reazione redox in ambiente basico  può avvenire con  il metodo delle semireazioni. Nel bilanciamento vanno eliminati di eventuali ioni spettatori...

Reagente limitante: esercizi svolti

Si definisce reagente limitante di una reazione chimica quella specie che si consuma per prima e che determina la quantità dei prodotti di reazione. Per...