Ossido di cromo (III)-sintesi, reazioni, usi

L’ossido di cromo (III) è un composto inorganico con formula Cr2O3 presente nell’ eskolaite un minerale appartenente al gruppo dell’ematite. E’ impiegato nelle lavorazioni metallurgiche e trova applicazioni nella cromatura e nell’anodizzazione dell’alluminio.

L’ossido di cromo (III) è uno dei principali ossidi del cromo. Il cromo può avere diversi numeri di ossidazione pertanto, oltre all’ossido di cromo (III) forma l’ossido di cromo (VI), l’ossido di cromo (IV) e l0ossido di cromo (II).

Proprietà dell’ossido di cromo (III)

Si presenta di colore verde ed è quindi usato come pigmento. È praticamente  insolubile in acqua, etanolo e acetone. Scarsamente solubile in acidi e basi. Diventa marrone a seguito di riscaldamento ma ritorna al suo colore originario quando si raffredda.

struttura 2 da Chimicamo
struttura

È una sostanza dura ma fragile con un valore di 8-8.5 nella scala di Mohs ed è quindi più duro del quarzo. Ha una temperatura di fusione di 2435 °C.  Esso contiene il 68.46% di cromo e il 31.58% di ossigeno. Nella sua struttura ognuno dei due atomi di cromo è legato ad un atomo di ossigeno tramite doppio legame e tramite legame semplice ad un ossigeno che lega anche l’altro atomo di cromo. Ha un comportamento anfotero.

Sintesi

L’ossido di cromo (III) fu ottenuto per la prima volta dalla reazione tra bicromato di sodio e zolfo secondo la reazione:
Na2Cr2O7 + S → Na2SO4 + Cr2O3

Può essere ottenuto per decomposizione termica del:

  • bicromato di ammonio da cui si ottiene anche azoto e acqua secondo la reazione:
    (NH4)2Cr2O7 → Cr2O3 + N2 + 4 H2O

Si può ottenere tramite la reazione di ossidoriduzione tra il bicromato di sodio e lo zolfo:
Na2Cr2O7 + S → Cr2O3 +  Na2SO4

images 1 da ChimicamoNella reazione il cromo si riduce passando da numero di ossidazione +6 a numero di ossidazione +3. Lo zolfo si ossida passando da numero di ossidazione 0 a numero di ossidazione +6.

A 400°C è ottenuto dalla reazione tra cromo e ossigeno:
4 Cr + 3 O2 → 2 Cr2O3

Reazioni

L’ossido di cromo (III) è un ossido anfotero e quindi reagisce sia con gli acidi che con le basi

Reagisce con acido cloridrico per dare cloruro di cromo (III) e acqua:
Cr2O3 + 6 HCl → 2 CrCl3 + 3 H2O

Reagisce con l’idrossido di sodio il tetraidrossocromato (III) di sodio:
Cr2O3 + 2 NaOH + 3 H2O → 2 Na[Cr(OH)4]

Inoltre reagisce con:

Usi

L’ossido di cromo (III), a causa della difficoltà nella sua contraffazione, alla fine della guerra civile americana costituiva il pigmento dell’inchiostro utilizzato per stampare le banconote da un dollaro.

A causa della sua stabilità è usato come pigmento in inchiostri, vetri e vernici e come colorante per le ceramiche. Trova utilizzo in materiali refrattari, semiconduttori, pigmenti, leghe, inchiostri da stampa tessile e come catalizzatore sia nelle reazioni organiche e in quelle inorganiche

Per la sua resistenza al calore  trova utilizzo in campo industriale per molti usi
In pasta è usato come abrasivo e per affilare le lame di rasoi e coltelli.

 

ARGOMENTI

GLI ULTIMI ARGOMENTI

Linee spettrali

Tenebrescenza

TI POTREBBE INTERESSARE

Resa percentuale in una reazione. Esercizi svolti e commentati

La resa percentuale di una reazione costituisce un modo per valutare l'economicità di una reazione industriale che può essere accantonata se è bassa. Si possono...

Bilanciamento redox in ambiente basico: esercizi svolti

Il bilanciamento di una reazione redox in ambiente basico  può avvenire con  il metodo delle semireazioni. Nel bilanciamento vanno eliminati di eventuali ioni spettatori...

Reagente limitante: esercizi svolti

Si definisce reagente limitante di una reazione chimica quella specie che si consuma per prima e che determina la quantità dei prodotti di reazione. Per...