Leva di primo, secondo e terzo genere

“Datemi una leva e vi solleverò il mondo”. Sarebbe questa la frase pronunciata da Archimede per indicare il principio della leva

La leva è una macchina semplice costituita da due bracci che ruotano con lo stesso angolo e con la stessa velocità angolare, incernierati per un’estremità a un fulcro, attorno a cui sono liberi di ruotare.
È  utilizzata per vincere delle forze resistenti con l’applicazione di forze motrici.

Parti

Le parti fondamentali sono:

  • il fulcro intorno a cui ruotano i bracci di leva.
  • bracci della leva che servono per l’applicazione della potenza e della resistenza.

I bracci di una leva sono anche indicati con i termini di braccio-potenza (P) e braccio-resistenza (R). Il primo è il braccio dove si applica una forza per equilibrare la forza resistente presente all’altro braccio.

Il braccio-potenza ha lunghezza pari alla distanza tra fulcro F e punto applicazione di P

Il braccio-resistenza ha lunghezza pari alla distanza tra fulcro F e punto applicazione di R

A seconda della posizione del fulcro e dei punti di applicazione delle forze si hanno tre tipi di leve

Leve di primo genere

Sono leve in cui il fulcro si trova tra la forza motrice e la forza resistente. Esse possono essere vantaggiose, svantaggiose o indifferenti.

Sono vantaggiose se la forza applicata richiesta è minore della forza resistente, ovvero se il braccio-resistenza è più corto del braccio-potenza

Sono svantaggiose se la forza applicata richiesta è maggiore della forza resistente, ovvero se il braccio-resistenza è più lungo del braccio-potenza.

Se il braccio-resistenza è uguale al braccio-potenza sono indifferenti

Esempi sono le forbici e le tenaglie

Leve di secondo genere

Sono leve in cui il fulcro è un estremo e la potenza si applica sul secondo estremo per vincere la resistenza al centro. In queste leve il braccio-potenza è sempre maggiore rispetto al braccio-resistenza e pertanto sono sempre vantaggiose

Esempi sono il remo e lo schiaccianoci

Leve di terzo genere

Sono leve in cui  la forza motrice agisce  tra fulcro e forza resistente. In esse il braccio-resistenza è più lungo del braccio-potenza e sono quindi sempre svantaggiose

Esempi sono la pinzetta e il prendi ghiaccio

ARGOMENTI

GLI ULTIMI ARGOMENTI

TI POTREBBE INTERESSARE

Esercizi sulla legge di Ohm

Gli esercizi sulla legge di Ohm che sono proposti in genere richiedono il calcolo di una delle grandezze note le altre due. La legge di...

Q test: formula, test

Il Q test o test di Dixon è un modo per trovare valori anomali in set di dati molto piccoli, normalmente distribuiti da 3...

Forze non conservative: teorema dell’energia cinetica

Le forze non conservative dette dissipative sono quelle forze per le quali il lavoro fatto durante lo spostamento dipende dal percorso seguito. Le forze...