Lavoro fatto da una forza variabile

La determinazione del lavoro fatto da una forza variabile richiede maggiori conoscenze rispetto a quelle necessarie se la forza è costante.

Infatti se la forza è costante e la forza e lo spostamento sono paralleli e concordi, la componente della forza nella direzione dello spostamento è proprio la forza stessa.

Pertanto il lavoro è dato dal prodotto del modulo della forza per la distanza x percorsa dal corpo e pertanto:

W = F · x

Se la forza e lo spostamento non hanno la stessa direzione si deve considerare la componente della forza lungo la direzione dello spostamento. Detto θ l’angolo che la forza forma con lo spostamento si ha:
W = F · x · cos θ

[irp posts=”50254″ ]

Grafico

Per calcolare il lavoro fatto da una forza variabile che, per semplicità varia solo in modulo, si consideri il seguente grafico in cui si riporta F in funzione di x

lavoro fatto da una forza variabileSi divide lo spostamento totale in un gran numero di piccoli intervalli Δx in cui la forza si può considerare costante e il lavoro fatto è:

ΔL = F ·Δx

Calcolo del lavoro fatto da una forza variabile

Prendendo l’intervallo Δx sempre più piccolo si ottiene una approssimazione migliore.

Facendo tendere Δx a zero il numero di intervalli tende a infinito con il risultato di ottenere un risultato esatto. Pertanto il lavoro è dato da:

W = lim Δx → 0  Σ F ·Δx

In cui la sommatoria è estesa da xi a xf. Questa non è altro che la definizione di integrale di F rispetto a x da xi a xf.

Pertanto:

lavoro forza variabileNumericamente il lavoro è uguale all’area sottostante la curva della forza compresa tra xi e xf.

Esempio

A una molla di lunghezza 30 cm è applicata una forza di 50 N. A seguito dell’applicazione di questa forza la molla si allunga a 35 cm. Calcolare il lavoro necessario per far allungare la molla da 32 a 36 cm

L’allungamento della molla è pari a 35-30 = 5 cm = 0.05 m

Si calcola la costante della molla applicando la legge di Hooke:

k = F/x = 50 N/0.05 m = 1000 N/m

Lo spostamento da 30 a 32 cm vale 2 cm (0.02 m) e quello da 30 a 36 cm vale 6 cm (0.06 m)

Si deve quindi calcolare l’integrale definito da 0.02 a 0.06 di  1000 x in dx

Il numero 1000 è una costante ed esce fuori dall’integrale che rimane di x in dx

Il valore dell’integrale è x2/2

Sostituendo i limiti di integrazione si ha:

W = (0.06)2/2 – (0.02)2/2 = 0.0016 J

ARGOMENTI

GLI ULTIMI ARGOMENTI

TI POTREBBE INTERESSARE

Esercizi sulla legge di Ohm

Gli esercizi sulla legge di Ohm che sono proposti in genere richiedono il calcolo di una delle grandezze note le altre due. La legge di...

Forze non conservative: teorema dell’energia cinetica

Le forze non conservative dette dissipative sono quelle forze per le quali il lavoro fatto durante lo spostamento dipende dal percorso seguito. Le forze...

Q test: formula, test

Il Q test o test di Dixon è un modo per trovare valori anomali in set di dati molto piccoli, normalmente distribuiti da 3...