Joseph Priestley: il chimico filosofo

Joseph Priestley fu un chimico inglese nato nel 1733 noto per aver scoperto l’ossigeno sebbene sembra che l’elemento sia stato scoperto per la prima volta dal chimico svedese, Carl Wilhelm Scheele, nel 1772. Tuttavia Joseph Priestly pubblicò le sue scoperte lo stesso anno, tre anni prima che Scheele lo pubblicasse.

Il 1 agosto 1774, nel suo laboratorio nella residenza di campagna di Lord Shelburne a Bowood, vicino a Caine, Joseph Priestley, membro della Royal Society, riscaldò l’ossido  mercurico e ottenne il gas precedentemente sconosciuto.

Tuttavia pochi sanno che Joseph Priestley era un teologo, politico progressista e autore prolifico i cui contributi scientifici includono il processo di carbonatazione, l’identificazione del monossido di carbonio e di altri gas, i primi esperimenti sull’elettricità e una prima comprensione dell’interconnessione rapporto di piante e animali mediato dai gas preludendo alla comprensione del processo della fotosintesi.

Come molti chimici del Settecento come Humphry Davy detto il chimico poeta e  Antoine-Laurent de Lavoisier che si occupò di economia e filosofia, Joseph Priestley, oltre a costituire una figura di primo piano nell’ambito della chimica detta scienza centrale per via del suo ruolo nel collegare la fisica con le scienze della vita, le scienze farmaceutiche e le scienze applicate come la medicina e l’ingegneria, aveva interessi poliedrici

La filosofia di Joseph Priestley

Joseph Priestley credeva che la percezione, la conoscenza, l’intelletto e la memoria fossero acquisiti attraverso l’esperienza sensoriale e che le idee semplici si combinassero in idee complesse attraverso un processo di associazione. Questo meccanismo era interamente materiale e quindi basato su leggi causali necessarie determinate da Dio.

Priestley
Priestley

Joseph Priestley era figlio dell’Illuminismo e riteneva che tutte le credenze dovessero essere in grado di resistere al controllo scientifico delle indagini sperimentali. La sua comprensione del mondo era basata sul presupposto che le verità fossero dimostrabili e rivelate attraverso l’osservazione e l’esperienza. Di conseguenza le sue opinioni liberali estreme furono severamente criticate dalla Chiesa d’Inghilterra. Inoltre era un sostenitore sia della rivoluzione francese che di quella americana.

Joseph Priestley confidava nella profezia biblica e attendeva la seconda venuta di Cristo, meta ultima di ogni progresso umano. Questa sua filosofia ottenne una raffica di critiche e le famigerate rivolte “Church and King” che distrussero la sua casa e la sua attrezzatura scientifica di Birmingham nel 1791. Emigrò quindi in America nel 1794 dove tra i suoi amici c’erano Thomas Jefferson e Benjamin Franklin.

La chimica

Joseph Priestley divenne ministro presbiteriano dopo aver lasciato la scuola e si interessò alla chimica intorno al 1770. Inizialmente i suoi studi si concentrarono sull’anidride carbonica liberata nelle birrerie durante la fermentazione, e la sua prima pubblicazione scientifica riguardò l’impregnazione dell’acqua con aria fissa che ora conosciamo come biossido di carbonio, creando acqua minerale frizzante prodotto subito dopo sfruttato commercialmente da Johann Jacob Schweppe e questo gli fu conferita la prestigiosa Medaglia Copley della Royal Society.

apparato
apparato

Joseph Priestley semplificò anche le tecniche sperimentali per la preparazione e la raccolta dei gas. La sua vasca pneumatica del 1772 consentì di isolare con successo i gas solubili in acqua rispetto al mercurio. Da qui passò alla preparazione e allo studio di nuove “arie”.

L’ossido nitroso detto protossido di azoto e noto anche come gas esilarante, fu scoperto per la prima volta nel 1772 da Joseph Priestley che riscaldò il nitrato di ammonio in presenza di limatura di ferro e quindi far passare il gas che fuoriesce attraverso l’acqua per rimuovere i sottoprodotti tossici principalmente monossido di azoto
NH4NO3 (s) → 2 H2O(g) + N2O(g)
Il nitrato di ammonio doveva essere riscaldato tra 170 °C e i 240 gradi °C perché temperature più elevate avrebbero potuto causarne la detonazione.

Il protossido d’azoto ebbe importanti usi medici, soprattutto in chirurgia e odontoiatria, per i suoi effetti anestetici e antidolorifici. Il suo nome di gas esilarante, fu coniato da Sir Humphry Davy per gli effetti euforici derivanti dall’inalazione, proprietà che ha portato al suo uso ricreativo come anestetico dissociativo

Alla ricerca dei gas

Nonostante la sua difesa della teoria del flogisto secondo cui i materiali combustibili e metalli arroventati si trasformavano in “calci” producendo durante il processo di combustione o di calcinazione, il flogisto, Joseph Priestley rimane una figura ammirevole nella storia della chimica a cui viene attribuita la scoperta e la caratterizzazione di nove gas.

strumentazioni
strumentazioni

Si riconosce a Joseph Priestley la capacità di dar seguito ad osservazioni che erano state trascurate da altri chimici il percorso originale e la scoperta del monossido di carbonio ne è un esempio. Come altri chimici, aveva inavvertitamente prodotto monossido di carbonio già nel 1772 senza, tuttavia, esplorarlo a fondo. Nel 1785 realizzò “squame di ferro” o “cenere raffinata”, come sottoprodotto della fusione di minerali di ferro.

Descrisse due metodi per produrre questo materiale: passava vapore sul ferro o scaldava il ferro in “aria deflogisticata”. Al riscaldamento la “cenere fine” in presenza di “aria infiammabile” costituita da idrogeno, riuscì a reagire con il ferro e a condensare l’acqua sviluppata durante la reazione non ottenendo acqua ma solo gas, uno dei quali si è rivelato essere monossido di carbonio.

Nell’ambito della sua ricerca scientifica analizzò le proprietà delle diverse “arie” utilizzando un apparato costituito da un contenitore capovolto su una base rialzata che poteva catturare i gas prodotti dalle varie reazioni. Il contenitore poteva essere collocato in una pozza d’acqua o mercurio, sigillandolo efficacemente, e il gas veniva testato per verificare se avesse potuto sostenere una fiamma.

Nel corso di questi esperimenti Joseph Priestley notò che la fiamma si spegneva quando veniva messa in un barattolo in cui un topo sarebbe morto per mancanza d’aria. Mettendo una pianta verde nel contenitore ed esponendola alla luce del sole notò che la fiamma bruciava e il topo respirava giungendo alla conclusione che le piante rilasciano ossigeno nell’aria, nel processo di fotosintesi.

Per la sua scoperta dell’ossigeno Joseph Priestley usò una “lente bruciante” di vetro e concentrò la luce solare su un pezzo di ossido di mercurio (II) in un contenitore di vetro capovolto posto in una pozza di mercurio e notò la formazione di un gas dalle caratteristiche peculiari:
2 HgO → 2 Hg + O2

Nei test successivi, fece bruciare intensamente una fiamma e mantenne in vita un topo circa quattro volte più a lungo di una simile quantità d’aria. Priestley chiamò la sua scoperta “aria deflogisticata” sulla base della teoria che supportava così bene la combustione perché non conteneva flogisto e quindi poteva assorbirne la quantità massima durante la combustione.

A Joseph Priestley si devono la produzione e la descrizione di altri gas tra cui ossido nitrico, anidride solforosa, idrogeno solforato, tetrafluoruro di silicio e tetrossido di diazoto oltre che l’invenzione della gomma da matita e l’enunciazione della relazione inversa del quadrato per l’interazione tra cariche elettriche che diventerà la legge di Coulomb più di un decennio dopo.

ARGOMENTI

GLI ULTIMI ARGOMENTI

TI POTREBBE INTERESSARE

Resa percentuale in una reazione. Esercizi svolti e commentati

La resa percentuale di una reazione costituisce un modo per valutare l'economicità di una reazione industriale che può essere accantonata se è bassa. Si possono...

Bilanciamento redox in ambiente basico: esercizi svolti

Il bilanciamento di una reazione redox in ambiente basico  può avvenire con  il metodo delle semireazioni. Nel bilanciamento vanno eliminati di eventuali ioni spettatori...

Reagente limitante: esercizi svolti

Si definisce reagente limitante di una reazione chimica quella specie che si consuma per prima e che determina la quantità dei prodotti di reazione. Per...