Smalti: proprietà, composizione

Gli smalti sono costituiti da sostanze inorganiche e sono applicati, generalmente a scopo protettivo o decorativo, su ceramiche, metalli o leghe.

Storia degli smalti

La tecnica di smaltare alcuni materiali è antichissima e pare risalire alla civiltà micenea da cui ben presto di diffuse nei paesi del Mediterraneo e nel Medio Oriente. I primi oggetti smaltati conosciuti erano 6 anelli d’oro trovati in una tomba micenea a Kouklia nell’isola di Cipro che potrebbero risalire al 1230 a.C.

Gli smalti erano inizialmente usati per scopi decorativi di oggetti, spesso realizzati in oro . Solo successivamente i Celti e i Romani utilizzarono gli smalti sul bronzo per ottenere oggetti di uso quotidiano come pentole o coltelli.

21c99869 d14c 4c73 9d67 56d554e64200.55c4fc0437b31c89d32511dbf047ecc8 1 da ChimicamoLa tecnica della smaltatura nota nell’antico Egitto, in Cina e in tutto l’impero romano si basava nell’utilizzo di fili sottili per delimitare l’area da riempire con il vetro in polvere e quindi utilizzare colori diversi per creare il manufatto. Durante la cottura, la sostanza colorante, spesso costituita da ossidi metallici fondeva e si solidificava con il vetro conferendogli la colorazione.

Nel corso dei secoli sono stati usati per decorare oggetti religiosi come calici e reliquiari e a cavallo tra il XIX e il XX secolo furono ulteriormente valorizzati dal noto orafo sovietico Fabergé.

Proprietà degli smalti

In generale gli smalti che hanno una durezza tra 5.5 e 7.5 nella scala di Mohs godono di proprietà che li rendono particolarmente pregiati come resistenza:

  •  al caldo
  • al freddo
  • agli shock termici
  • agli agenti atmosferici
  • alla corrosione
  •  all’abrasione.

Per le loro proprietà gli smalti sono attualmente utilizzati per ricoprire gli oggetti più svariati come pareti interne dei forni, per ricoprire vasche in ghisa, silos, reattori chimici, serbatoi e padelle.

Gli smalti sono ottenuti fondendo una miscela di materiali inorganici generalmente a una temperatura tra 750 e 850 °C.

Composizione

La composizione chimica degli smalti varia a seconda del loro utilizzo e del supporto a cui vengono applicati a può contenere fino a 20 componenti.  Essi possono essere classificati in tre categorie funzionali: i vetrificanti SiO2 e B2O3, i biossidi ZrO2 , CeO2 e TiO, che migliorano tutti la resistenza agli alcali e sono anche opacizzanti e le sostanze fondenti che abbassano la temperatura di fusione e aumentano il coefficiente di espansione

Essi contengono un ossido di un metallo alcalino-terroso come CaO o BaO. Sono inoltre presenti ossidi di metalli alcalini come K2O, Na2O o Li2O e polvere di palladio.

Il colore dello smalto viene conferito da ossidi di cobalto, praseodimio e neodimio mentre se si vuole ottenere un bianco brillante si usa biossido di titanio.

Usi

Nel corso del tempo all’uso decorativo si è affiancato un uso funzionale dovuto alle eccellenti proprietà  tra cui resistenza chimica e termica e possibilità di utilizzo del prodotto smaltato in un ampio intervallo di pH

Gli smalti vetrosi sono, infatti, rivestimenti durevoli lisci con molte proprietà eccellenti tra cui resistenza all’abrasione, all’usura e agli agenti chimici e mostrano elevata durezza, colori brillanti e incombustibilità. Presentano, tuttavia, lo svantaggio di incrinarsi o frantumarsi a seguito di sollecitazione.

elettrodomestici smaltati da Chimicamo
elettrodomestici smaltati

Sono presenti, come rivestimento in lavatrici, lavastoviglie, stufe, caminetti, cucine a gas ed elettriche, barbecue, quadranti di orologi, sanitari e pentole che, per la possibilità di essere diversamente colorati, possono costituire elementi di design.

Nell’ultimo decennio l’utilizzo dello smalto vetroso per applicazioni industriali è cresciuto a dismisura e questo settore di applicazione è diventato il secondo mercato di consumo di smalto dopo quello degli elettrodomestici.

Le applicazioni industriali dello smalto vetroso includono serbatoi di acqua calda, silos/serbatoi, scambiatori di calore e recipienti chimici.  Per questi prodotti, l’acciaio vetroso smaltato viene scelto dal punto di vista ingegneristico per la combinazione delle seguenti eccellenti proprietà tecniche

 

 

ARGOMENTI

GLI ULTIMI ARGOMENTI

TI POTREBBE INTERESSARE

Resa percentuale in una reazione. Esercizi svolti e commentati

La resa percentuale di una reazione costituisce un modo per valutare l'economicità di una reazione industriale che può essere accantonata se è bassa. Si possono...

Bilanciamento redox in ambiente basico: esercizi svolti

Il bilanciamento di una reazione redox in ambiente basico  può avvenire con  il metodo delle semireazioni. Nel bilanciamento vanno eliminati di eventuali ioni spettatori...

Reagente limitante: esercizi svolti

Si definisce reagente limitante di una reazione chimica quella specie che si consuma per prima e che determina la quantità dei prodotti di reazione. Per...